Sei nuovo?
Clicca qui.

Sono ancora una cintura bianca del non posso.

Quella del NO, resta per me una lingua difficile da imparare. Ho sempre il timore che chi è dall’altra parte si senta offeso, o smetta di apprezzarmi o peggio… mi consideri un’ingrata.

Certo da un lato è bellissimo accogliere a braccia aperte tutto quello che arriva. Ma abbiamo anche bisogno di tracciare dei confini per salvaguardare la nostra energia. E scegliere resta sempre un diritto a cui non vuoi rinunciare.

Mentre continuo ad imparare questa lingua, voglio condividere con te 3 cose che mi stanno aiutando a dire di sì solo a quello che conta per me.

Cecilia Sardeo Podcast

Se anche tu vuoi diventare bilingue, allora vieni a trovarmi al minuto 01.14 per scoprire insieme come imparare a dire di no con grazia!

E poi, come sempre, diamo inizio alla parte più bella dell’episodio, condividendo con tutta la tribù nei commenti qui sotto:

A chi o a cosa scegli di dire no, per creare spazio per ciò che davvero conta?

Non vedo l’ora di leggere la tua intenzione, perché ricorda, c’è modo migliore di crescere che farlo insieme!

PS. Dire sì a tutto significa vivere secondo le aspettative altrui, piuttosto che secondo le nostre vere aspirazioni!

E come ho imparato da un maestro straordinario, Franco Nanetti,

“Quando dici sempre sì, tradisci te stesso. E se tradisci te stesso ti perdi definitivamente”.

Lui mi ha insegnato che il NO è una forma d’amore e che l’amore è LA forza che può cambiare ogni cosa, ma solo se compresa davvero e utilizzata nel modo giusto…ed è proprio di questo che parleremo, qui.

cecilia sardeo firma nome

139 commenti su “Imparare a Dire di No…con Gentilezza!”

  1. Io dico sempre troppi sì al lavoro… questo mi ha causato molto stress in passato perché toglievo tempo alla famiglia… proprio ieri ho rinunciato a degli appuntamenti facoltativi e forse riuscirò a dire no ad un impegno che ho preso ma che non sono obbligata a mantenere… vediamo se ce la faccio!!!

    Rispondi
    • Forza Silvia! La tentazione di dire sì a lavoro è molto forte, soprattutto se amiamo ciò che facciamo. Sono sicura che riuscirai a mantenere la tua intenzione, ricorda quanto importante sia la tua presenza per la tua famiglia 💞

      Rispondi
  2. Io sono una di quelle persone purtroppo 😅 Cercherò di adottarlo nei prossimi giorni e vedrò che piega prenderanno i miei impegni. Grazie di esistere Cecilia 😘

    Rispondi
  3. Ciao a tutti..
    Grazie per tutti i consigli..effettivamente quello di dire di no è uno dei miei più grossi problemi proprio per la paura di non essere accettata e che gli altri ci rimarrebbero male come ci rimarrei male io ad un rifiuto..eppure so bene che un no (detto bene, con gentilezza ed educazione)fa meno male di un si di mala voglia..devo incominciare ad allenarmi..grazie Cecy

    Rispondi
    • Esatto cara Maria Rita! “Un no (detto bene, con gentilezza ed educazione)fa meno male di un si di mala voglia!”. Proprio così! Buon allenamento allora 💪

      Rispondi
  4. Dopo aver concluso un contratto di lavoro a tempo determinato mi sono presa un intero mese da dedicare alla famiglia e alle cose che mi fanno stare bene rinunciando alla possibilità di continuare quel lavoro solo nei week-end. Probabilmente si sono offesi perché ho deciso in modo categorico ma gentile che era giusto prendermi quel tempo per me, ma non importa perché sono serena e l’universo mi ha portato due lavori nuovi in una volta sola.

    Rispondi
  5. Io ho lo spirito da crocerossina quindi tendo a dire sempre di si ma da un po’ mi sto sforzando di dire di no, perché mi sono accorta che mi rimangono più energie per me!

    Rispondi
    • Come conosco questo spirito da crocerossina cara Cristiana 😉

      La sfida più grande proprio per chi come te ha un cuore così grande è quella di riuscire dare a te stessa gli stessi sì che dai abbondantemente agli altri. Come cambierebbe la tua vita se riuscissi ad essere presente per te così come lo sei con gli altri?

      Rispondi
  6. alle volte ci riesco con più serenità e alle volte meno. Da alcuni anni però sto cercando, con allenamento e non sempre riesco, a rispettarmi nel dire no…anche quando ho paura di offendere. Però grazie a questo spunto sul come dire no, il mio allenamento ha uno strumento in più….GRAZIE!!!!!

    Rispondi
  7. Ti ringrazio per il tuo invito alla riflessione.
    Il mio parere è rivolto a chi come me ha molti interessi, soprattutto culturali. In questo ambito della vita, per me inportantissimo, il SI’ alle proposte apre nuovi mondi. Il NO lo dico fondamentalmente per due ragioni: 1 – Devo selezionare le cose da fare. Da qui all’eternità implica un sacco di tempo. Ma è proprio quest’ultima che non mi dice esattamente come stanno le cose.
    2 – Ho una famiglia e devo stare attento ai problemi economici

    Rispondi
    • Ottimi spunti caro Claudio. Le persone con molti interessi e talenti soffrono spesso con il dire “no”, perché riescono a vedere le enormi opportunità che si nascono in tutti gli angoli. Ma come hai detto tu, dobbiamo scegliere quali porte aprire, perché mantenerle tutte aperte diventa totalmente insostenibile. E qui i “no” giusti sono dei veri e propri salvavita!

      Rispondi
  8. Io ho imparato sulla mia pelle a dire più no che si. Ero un imprenditore molto benestante e in paese si era venuto a sapere che oltre ad assistere economicamente dei bambini orfani, regalavo delle piccole somme ( per pagare bollette ecc..) a famiglie bisognose. Questo è venuto alle orecchie ad una associazione a delinquere di truffatori, che con attori ( sempre di loro ) e carte false e uffici falsi mi chiedevano prestiti in continuazione. Non sapendo dire no ho sempre accettato e mi sono ritrovato sul lastrico in pochissimo tempo. Ora stò riprendendo ma ho imparato a pensare alle risposte e dico molti più no che si. Mi ci è voluta una fregatura per imparare come comportarmi ma l’ho presa come una crescita personale.Saluti

    Rispondi
    • Giorgio, mi dispiace sapere che queste persone abbiano truffato una persona con un cuore come il tuo. Spero che la tua generosità possa tornare a te moltiplicata per tutto l’amore che hai condiviso! 💞💕

      Rispondi
  9. Innanzitutto grazie Ceci! Nell’ultimo anno ho detto troppi SI’ a incontri socio-professionali per me importanti, ma che portavano a poca concretezza. Quando ho cominciato a dire dei NO motivati (ho già iniziato…) non solo mi sono sentito meglio, ma ho cominciato a tracciare alcuni confini che prima si fingeva di non vedere. 🙂

    Rispondi
  10. Ciao e grazie dei consigli.
    Anche io troppi si al lavoro e in famiglia facendo casini e in più troppi no a me stessa rinunciando a ciò che ero. Da un po’ sto cercando di cambiare registro e mi sta piacendo molto 😉

    Rispondi
  11. Mi sono piaciuti molto i tuoi consigli per dire no. Soprattutto mi è piaciuta l’idea di pensare al NO incluso in un SI detto senza pensare troppo, un SI che potrebbe rubare le mie energie dalla focalizzazione su cose importanti
    Lo ricorderò …
    Grazie
    un abbraccio di luce variopinta

    Rispondi
  12. Nelle ultime settimane sto dicendo troppi si controvoglia per fare contenti gli altri, mentre dentro di me si fa sempre più strada una vocina che urla NOOOO 😂. Inizierò oggi stesso col dire gentilmente no invece che forzatamente si!

    Rispondi
  13. Grazie Ceci!!!! È davvero bello che ogni settimana ci mandi degli spunti X riflettere e migliorarci….. anche X me dire no è difficile perché vorrei sempre aiutare tutti e così io passo in ultimo piano….. ma piano piano ne sono consapevole e qualche no gentile inizia ad arrivare!!!!! Un fortissimo abbraccio grazie!!!

    Rispondi
  14. Ecco.. cade a fagiolo.. sto tergiversando su un NO che dentro di me é ben chiaro… ma perché mio marito insiste? Ogni tanto me la butta lí e… mi sento in colpa.. lui fa così tanto per me e non mi chiede mai niente.. tranne questa volta.. Ma io non ho voglia di andare una settimana in vacanza quest’estate con il suo fratellastro e moglie.. non mi sento a mio agio che devo fare? é una forzatura sarebbe solo per fargli piacere… 😩

    Rispondi
    • Ah, Mila, questa è una bella sfida, perché implica l’equilibro nella relazione con tuo marito. É come un processo di negoziazione! Prova a capire perché questo è importante per lui. Prova a capire la fonte di quello che lo spinge a voler trascorrere questo tempo con il fratellastro. Forse potete trovare altre strategie insieme per raggiungere lo stesso obiettivo, per esempio, passare più tempo insieme, senza necessariamente trascorrere una settimana insieme. Cerca di capire il suo perché e se l’opzione della vacanza a te proprio non va giù, provate a pensare ad altri modi in cui potreste raggiungere lo stesso scopo. In questo modo potresti dare ascolto a tuo marito e anche a te stessa 😉

      Rispondi
  15. Complimenti Cecilia,
    Mi piace ascoltare e leggere i tuoi consigli.
    In questo periodo ho detto “Si” a tutti e a tutto allontanandomi dal mio essere, perdendolo di vista..
    E ora ne pago le conseguenze. Ma non so più come uscirne.
    Un abbraccio

    Rispondi
    • Prova a tenere fede alla parola data, e poi ripartire con una maggior consapevolezza. Ma se proprio non ci riesci perché sono troppi, prova a dire la verità: ”Ho detto sì quella volta, perché ero convinta che ce l’avrei fatta, ma ho sopravvalutato le mie possibilità. Spero capirai <3''

      Rispondi
  16. Dico troppi SI che mi dimentico anche a chi li ho detti e questo non va bene perché poi si deludono le persone senza accorgersene. Grazie, da oggi in poi i miei SI saranno più po derati❤️

    Rispondi
  17. Cecilia cara, è proprio quello che ho provato io tutte le volte che volevo dire di no….paura di non essere più considerata da quella persona, oppure per non recargli dispiacere gli ho detto si senza tenere conto delle mie priorità e dei miei impegni anche se non erano in quel momento importanti
    Ma da un po’ di tempo sto riuscendo a farlo con più sicurezza con una voce calma e gentile, in più ci metto pure il sorriso ☺ se la persona c’è l’ho di fronte…e la cosa funziona a meraviglia…anzi alla volta successiva quando mi viene chiesto di nuovo, e dico di si, mi sento più rilassata e disponibile e in quella persona noto meraviglia e nello stesso tempo disponibilità verso di me.
    Grazie Ceci per le tue preziose perle 💞💞💞😙

    Rispondi
    • Certo Domenico, mi sembra un ottimo modo per vedere il “no” da un’altra prospettiva…come un sì dato con più peso e significato! Perché se diciamo sì a tutto…che valore hanno i nostri sì?

      Rispondi
  18. Che bello che tutti possono contare su di te meno che tu stessa!Dico sempre di si fino allo sfinimento poi arrivo stanca e dico No ,non esco vado a dormire.I Cercherò di allenarmi per il mio no, grazie!

    Rispondi
    • A più sì detti a te stessa cara Patrizia. Vedrai che rivoluzione quando riesci a dare a te stessa la stessa presenza che dedichi agli altri 😉

      Rispondi
  19. Ciao a tutti!!!!!
    A fagiolo questo video, come ho letto il titolo della mail ho detto ilu´!!! Non ci potevo credere. Questa settimana e quella precedente o detto di si a tutti meno che a me stessa per tutti gli impegni che mi ero presa con me. Ho fatto straordinari al lavoro, ho aiutato una mia amica che mi ha chiesto almeno un favore al giorno e morale della favola, ieri sera ero esausta e arrabbiata con me stessa per non essere riuscita a dire nemmeno una volta no.
    Ho trovato molto interessante il video, e mi ha fatto riflettere e credo che cercando di orientarmi sulle cose a cui dico di no per dire di si e sul fatto che dico di no ad una richiesta, non ad una persona, potrei non sentirmi cosi in colpa nel non essere disponibile.
    Grazie mille Ceci e grazie a tutti per la condivisione!!!

    Rispondi
  20. tesoro sono cose ovvie, non servono corsi su qualcosa che la nostra stessa umanità ci fa fare, discernere e dire si o no a delle richieste, si potrà talvolta sbagliare sull’onda di emozioni o del momento particolare, ma non c’è nessun dramma, nessuna catastrofe è mai accaduta per aver detto un no o un sì che non erano gestibili, sinceramente si capisce anche dall’altra parte se è affidabile o no quanto detto dalla persona cui è fatta la richiesta.
    grata per il lavoro e si potrebbe migliorarsi tutti evitando l’empasse di ansia da riempire ogni spazio di video fino all’eccesso e fino a cadere nell’errore di precisare cose inutili e che tutti – deo gratias – sanno, aiutiamoci a evitare la smania di apparire e crederci essenziali e guru che sapendo solo loro si credono gli unici a poter insegnare qualcosa agli altri. Madre Terra e gli Universi tutti nell’Entità creatrice sono l’unico Magister/Magistra 😉 take care

    Rispondi
    • Fortuna che credermi guru è ben lungi da me 🙂 Mi limito a condividere quello che io stessa a volte ho bisogno di sentire. Cose ovvie? Poco ma sicuro. Utili promemoria che spesso sappiamo ma mai mettiamo in pratica? Forse sì, forse no. Un abbraccio <3

      Rispondi
    • Carissima Elisa, trovare l’equilibro è un processo delicato e spesso dobbiamo passare da un nostro estremo all’altro per capire qual è la via di mezzo. Pensa ad un pendolo, prima tocca gli estremi, andando da uno all’altro, prima di calmarsi e finalmente trovare l’equilibrio. E così anche noi Elisa! Ricorda…gli altri si allontanano forse perché non sono abituati ma il prezzo piú caro da pagare è quando noi decidiamo di abbandonare noi stessi perché dimentichiamo di dirci sí, prima di dirlo a tutto il resto del mondo.

      Rispondi
  21. Anch’io devo imparare a dire no quando il non farlo torna a scapito anche della mia salute. La mia paura è proprio sempre quella di offendere gli altri, di non essere capita. Grazie Cecilia

    Rispondi
    • Spero che questo video abbia qualche spunto utile per te Enrica, per riuscire a superare questa paura! Un abbraccio di luce ✨

      Rispondi
    • Ciao Lorenzo, io non sono mamma, ma sta per uscire un episodio straordinario che tocca proprio il No nei rapporti genitori figli dentro LaSvoltaSchool.com 🙂

      Rispondi
    • Caro Lorenzo,forse tua figlia potrebbe comportarsi diversamente… i genitori non esistono solo per soddisfare le richieste dei figli. Se e quando lo capirà potrebbe scusarti con te. Un abbraccio.

      Rispondi
  22. Anche se sono cose ovvie parlarne è utile per fare il punto della situazione e valutarsi. A me è capitato o capita di dire si e scapicollarmi x mantenere fede a quel si, però col tempo impari che non ce la fai e devi darti una svolta cambiare sistema, quindi grazie per l’input 🙂

    Rispondi
  23. In passato sono stata sempre molto disponibile con gli altri e meno con me stessa. Oggigiorno la prima persona a cui cerco di accontentare si chiama Glória. Alle volte faccio ancora un pò di confusione poiché voglio fare mille cose di mio interesse ed evidentemente finisco per sacrificarne qualcuna, impossibile fare tutto quanto. Piano piano sto imparando anche a selezionare quello che mi va più a genio. Un abbraccio, Ceci. Grazie.

    Rispondi
  24. Ho sempre detto si a tutti…..ma un si per tutti era sempre, in qualche modo un no a me stessa.
    Il risultato continua ad essere un livello di stress altissimo per voler accontentare gli altri e far quadrare mille impegni.
    La buona notizia è che mi sto già allenando ad un maggiore rispetto per la mia vita, la mia anima ed il mio tempo…..a cominciare da ora, insieme a tutti voi!
    A tutti auguro un buon tempo a venire,
    Federica

    Rispondi
  25. Io alcune volte dico di sì per fare contento la persona che ho di fronte ma poi faccio come voglio lo so non è onesto ma non si ha sempre voglia di spiegare tutto

    Rispondi
  26. Ciao a tutti…ciao Ceci🙏🏻
    Dire sempre Sì è un mio grandissimo difetto…pur di fare felici gli altri…ci sto rimettendo pure in salute…ora sto vedendo periodicamente una Naturopata che me lo ha dato come compito…5 no alla settimana 😰
    E questo video..come tutti del resto vengono a puntino…anche nella svolta school ci vorrebbe….un coach che insegna come dire No…approfondirò senza dubbio e mi darò da fare a pronunciare quelle 2 lettere tanto difficili da dire😥Grazie come sempre X i tuoi immensi consigli…un abbraccio di luce a te e a tutti…a presto 😘🌈🍀🌶

    Rispondi
    • Lara, allora sei proprio in allenamento duro per imparare a dire NO! Benissimo, non vedo l’ora di sapere dei tuoi risultati! PS. Nell’episodio che uscirà nei prossimi giorni a La Svolta School, ci sarà una parte dedicata proprio al no 😉

      Rispondi
  27. ultimamente ho detto si a ogni richiesta in ufficio di mansioni ulteriori, ed ora non riesco a seguire a fondo le mie mansioni principali, quelle per cui sono stata assunta… e per cui sono pagata in realtà… e mi sto rovinando la salute, non riesco più a recuperare le forze. E’ davvero ora di provare a cambiare! Seguirò i consigli, soprattutto quello di non identificare la persona con la richiesta.

    Rispondi
    • Grande Marina! Dobbiamo prestare molta attenzione ai segnali del corpo, sono estremamente chiari per indicarci quando siamo fuori cammino. Facciamo il tifo per te! 💪💪💪

      Rispondi
  28. Interessante davvero, trovo difficile quasi impossibile dire NO, ma in fin dei conti, la mia è una scelta di comodo momentanea, come rimandare al momento in cui sarò in difficoltà ad rispettare i SI detti, le scelte che dovrei fare subito. Devo lavorare su me stesso e considerare i vantaggi di una scelta oculata, in funzione delle mie esigenze, da fare subito o a breve rispetto alle richieste esterne. Giustissima considerazione… in questo modo rispetto di più me stesso ed anche le persone cui dirò un No od un SI consapevole. Grazie per gli spunti di partenza per questo mio lavoro. Arrivederci

    Rispondi
    • Esattamente caro Tino! Si tratta semplicemente dalla consapevolezza che portiamo ad ogni nostro sì e ad ogni nostro no. Finché sono detti con consapevolezza, siamo già a cavallo! Buon lavoro 🙂

      Rispondi
  29. Per fortuna sono una persona che non ha particolari problemi in merito ma una mia amica ha molta difficoltà in questo, giro la mail per aiutarla, grazie di cuore e come sempre un abbraccio di luce!

    Rispondi
  30. Ciao Cecilia! Hai dato voce ai miei pensieri dell’ultima settimana. Certo che sembrano cose ovvie. Pensa che mi capita addirittura di diffonderle tra colleghi e clienti! Eppure ci ricasco e mi perdo di vista…… Quindi credo che non siano così ovvie e scontate…. credo sia un allenamento costante e credo che il tuo video sia stato per me un ottimo promemoria per raggiungere una sempre più profonda consapevolezza con gioia e un pizzico di autoironia quando questo non accade….
    Grazie! E…… cosa farò del tempo che rimarrà a disposizione? Mi dedicherò ai miei studi….
    A presto

    Rispondi
  31. Ciao Cecilia !!!
    Io ho detto tanti sì in passato che mi pesavano tantissimo per tutti i motivi che hai elencato tu e molto spesso restavo delusa perchè chi riceveva non mi sembrava capire il mio sforzo , non mi sentivo per niente gratificata, sembrava fosse un dovere il mio.
    Ora ho lasciato molte cose però , in quello che faccio, mi sento come intrappolata.
    Uffa, se dici sempre no ti senti un verme, ma a dire sì si assumono responsabilità….che alla lunga pesano!!!

    A

    Rispondi
    • La chiave sta nell’equilibro cara Paola. Troppi sì portano a toglierci energie e troppi no ci precludono possibilità che si sviluppano solo con la giusta dose di buona volontà. Lo so che è difficile, e spesso dobbiamo provare entrambi gli estremi prima di riuscire a raggiungere il nostro equilibrio…ma ne vale la pena!

      Rispondi
  32. si dice sì per affetto o per n on offendere, ma a volte troppi sì.. anche a richieste di altri che ti fanno solo per scaricarsi loro ti annientano e ‘spompano’ . . . . io cerco di fare di tutto e di + , ma spesso vedo che il solo risultato è quello di non farcela + io 🙁 , quindi imparare a dire di no anche a se stessi quando si vuole fare troppo! 😉 grazie bellissima Cecilia 🙂

    Rispondi
    • O imparare di dire sì a quella vocina dentro noi stessi che ci dice che abbiamo raggiunto il limite 😉 L’importante è imparare a dare ascolto a noi <3

      Rispondi
  33. Proprio vero Ceci! Darsi il tempo di rispondere prima di dire si è fondamentale… una grande forma di cura e attenzione per se stessi e per l’altro. Può solo portare a una condivisione reale e sincera e non mediata dalla paura di perdere qualcosa. Io sono in pieno allenamento a riguardo perchè la tendenza di dire sempre si per far piacere all’altro è sempre dietro l’angolo… Grazie per il nuovo preziosissimo spunto di riflessione! <3
    Sei preziosa.
    Bacioni a te e tutto il team e a presto! 🙂

    Rispondi
  34. Consigli preziosi (come sempre)!
    Io sono una tata condivisa (tagesmutter) e faccio fatica a dire di no alle richieste delle mamme.
    Farò tesoro dei tuoi consigli perché è giusto far rispettare il regolamento che io stessa ho stilato! 😛
    Avanti così Cecy and friends! 😘

    Rispondi
  35. sono pienamente daccordo
    di recente di co si ad amici per uscire e andare in giro anche se le mete non mi piacciono poi molto, quindi il si lo dico pur di far qualcosa, altrimenti l’alternativa sarebbe rimanere a casa a leggere un libro.
    dire di no poi aiuta ad aprire altre porte, crea nuove occasioni
    da oggi sarò più assertiva:)

    Rispondi
  36. in pratica ultimamente accondiscendo praticamente a tutto. Ho perso assolutamente la forza per discutere e per salvare quel briciolo ( se ancora c’è …) che è rimasto.

    Rispondi
  37. sto cercando di migliorarmi in questo, ma ancora capita spesso che a livello lavorativo tendo a dire spesso si alle richieste dei miei clienti e collaboratori, per paura anche di perdere il cliente o di rovinare il rapporto personale e lavorativo con i colleghi. tutto questo comporta notevole spreco di energia.

    Rispondi
    • Ciao Giuseppe! Hai provato ad applicare qualcuna delle strategie proposte da Ceci per la tua situazione? 🙂 Se sì, quali sono stati i risultati?

      Rispondi
  38. Ciao, mi capita spesso di dire si e disperdere energia, non essere felice della mia scelta. Al lavoro però dopo essere stata quasi 3 anni senza lavoro ed aver dedicato tempo a me stessa e alla mia crescita, ora riesco a prendere ciò che voglio. Cioè riesco a chiedere e prendere decisioni che un tempo non contemplavo nemmeno. Dove ho ancora tanta strada da fare è nelle relazioni personali dove sono coinvolta sentimentalmente. Non riesco ancora a dire di no quando una persona alla quale voglio bene mi “usa” per i suoi bisogni e continua come un altalena a chiedere e togliere. Il mio obiettivo ora però è dire NO con gentilezza! Ripetere a me stessa che per il mio bene ho il diritto e dovere di mettere me stessa al primo posto! Un abbraccio di Luce! Claudia

    Rispondi
    • Cara Claudia, in ambito di relazioni, soprattutto quando si tratta di apprendere a dire NO anche alle persone che più amiamo, ti consiglio questo splendido video https://goo.gl/tsgPw7 che penso parli ESATTAMENTE della situazione che hai riportato 🙂 Buona visione!

      Rispondi
  39. Mi ritrovo pienamente nelle tue parole, la paura di deludere gli altri e dire sempre SI’ è parola d’ordine nel mio comportamento e mi ritrovo a dover gestire molte cose che in fondo non riguardano me o mi mettono in secondo piano per assecondare altri. Ci vorrà tempo per imparare, tuttavia sono convinta sia arrivato il momento di cominciare….Grazie!

    Rispondi
    • Buon inizio Laura, sono sicura che ne verrà la pena 💖 E ogni volta che ti trovi a dubitare dell’importanza del tuo NO! non scordarti il video con Franco Nanetti, che puoi rivedere sempre qui https://goo.gl/tsgPw7 😉 Facciamo il tifo per te!

      Rispondi
  40. io sono libera professionista e dico sempre sì, ma quando dico no perchè la mia giornata è già piena cerco di trovare una soluzione che vada bene a entrambe le parti, e di solito ci riesco.

    Rispondi
  41. Io dico si un po’ a tutti e tt per nn deludere gli altri, ma deludendo inevitabilmente me.mi piacciono le motivazioni x i no.provo ad applicarle alla mia vita.

    Rispondi
  42. Ciao. Grazie per questi consigli. Vorrei porre altri quesiti. Io conosco i buoni motivi per dire “no”, ma come si può fare per non far offendere gli altri? E’ proprio questo il problema. Non capita soltanto a lavoro, anche nella vita. Oltre al prendere compiti che ci rubano tempo, ci sono anche consigli su come dire di no a cose che non possiamo permettere? Che sappiamo sarebbe meglio che altri non facessero ed ovviamente riguardano o si ripercuotono anche su noi in qualche modo?
    Grazie

    Rispondi
    • Ciao Alex! Certo, dobbiamo avere la forza di dare consigli se sono a fin di bene, soprattutto se si ripercuotono su noi stessi. Credo nel dialogo pacifico, poi se chi abbiamo di fronte non sa o non vuole ascoltare…beh noi ci abbiamo provato e abbiamo fatto ciò che credevamo giusto. Un abbraccio di luce 🙂

      Rispondi
  43. Imparare a saper dire di no, ti aiuta molto a crescere, a prendere posizione ed anche a metterti in discussione. Non è per niente facile dire di no, costa una quantità di energià. E poi se la persona a cui dici no, anche con tutta la max gentilezza, resterà sempre un no. Piú che con gentilezza preferirei spiegare il mio no anche se non cambia la decisione. L’ultima volta che ho dovuto dire di no a una persona a me personalmente molto cara, simpatica e di cui ho molta stima, mi é costato, caro, ci ho pensato per giorni e di Piú ancora. Ma mi sono detto non lo sarà per sempre. Ok perdo altri 6 mesi, ma con l’anno nuovo spero di essere, io, pronto per dare il max per crescere quello che desidero da molto. Ecco il mio no. Che per quanto, no, sia, non lo sarà per sempre. Saluto Cordialmente con qualcosa dentro che nn fa sentirmi vincitore, solo convidivente, parcheggiato. Ancora una volta con speranza di aver fatto il giusto per un domani migliore. Riccardo Lenaz.

    Rispondi
  44. Brava Cecilia!

    Bei video, contenuti molto utili e tu sei splendida, grazie per i consigli e per esserti messa in gioco.

    Guarda youtube Giorgio Cerquetti video
    e youtube Thea Crudi
    Li troverai interessanti!

    Hare Krishna

    Rispondi
  45. Io ho detto molti si al lavoro, perdendo in 8 anni gran parte degli amici che avevo intorno a me, e poi mi è capitato spesso anche a dire troppi si agli amici, per paura di fargli un torto. È una cosa piu forte di me non ci riesco!

    Rispondi
    • Prima di dire sì Luca puoi fermarti un attimo e chiederti: lo sto facendo perché lo desidero davvero o solo per compiacere gli altri? Penso i tuoi amici (quelli veri) capiranno qualche no detto per giuste ragioni e anzi, la loro stima nei tuoi confronti potrà notevolmente aumentare. Ti mando un super abbraccio 🙂

      Rispondi

Lascia un commento