Sei nuovo?
Clicca qui.

“Non c’è alcun bisogno di correre, sforzarsi, cercare, combattere: prova solo ad essere. La vita è già un dono così com’è”.

– Thich Nhat Hanh

E adesso è il momento di concederti un attimo di > PAUSA < solo per te e fare subito un cambio di prospettiva, scaricare lo stress da lavoro e ripartire alla grande!

….ecco le due domande chiave per lavorare meglio e ritrovare la serenità…

E la VERA pratica per riuscire a rallentare con qualità, anche nella frenesia quotidiana.

Cecilia Sardeo Podcast

Dove e come potresti rallentare per concederti una pausa e realizzare ancora di più e senza stress?

E come lo farai concretamente? Non vedo l’ora di sapere il tuo prossimo passo nei commenti qui sotto <3

cecilia sardeo firma nome

44 commenti su “Stress da Lavoro? Ci Sono Passata Anch’io ed Ecco Cosa Ho Scoperto…”

  1. ciao Cecilia,
    un’amica mi ha consigliato di seguirti, e devo dire che ha fatto benissimo. mi ritrovo tantissimo nel video qui sopra! vivo la giornata completamente incentrando la vita sul lavoro; il problema è che anche quando arriva il momento della pausa (ad esempio la sera dopo cena) io continuo a pensare al lavoro anche mentre mi dovrei rilassare. risultato sono sempre tesa e nervosa, e non riesco mai ad uscire da questo tunnel di pensieri!!

    Rispondi
    • Ciao Silvia! Benvenuta nella tribù <3 Devo dire che anche io faccio molta fatica, meno che in passato, senza dubbio, ma diciamo che non mi viene --naturale-- prendermi una pausa. Quello che mi ha aiutato molto è stato cominciare con poco. Ad esempio, svegliarmi 15 minuti prima al mattino e fare una passeggiata prima ancora di immergermi nel vortice di email e telefonate della giornata. Vedendo quanto quei pochi minuti mi aiutavano a partire con una nuova energia, li ho aumentati, distribuendoli nell'arco della giornata. Ricordandomi, qualora subentrasse il solito senso di colpa, che non lo stavo facendo solo per riposarmi, ma anche per rinnovare forza ed energia per fare tutto molto meglio e riuscire a districarmi con più chiarezza tra i 1000 impegni 🙂

      Rispondi
    • Ciao Silvia, mi ritrovo molto in quello che dici! Una delle cose che personalmente mi aiuta è uscire per qualche minuto nella natura senza telefono. All’inizio ti verrà sicuramente da pensare a tutte le cose che devi ancora fare, ma piano piano, osservando la bellezza che ti circonda, ti aiuterà a ricordarti che anche qualcosa di così grande e perfetto, come la natura, ha i suoi momenti di riposo! E proprio questo ciclo continuo, la rende così bella, potente e perfetta <3

      Rispondi
  2. La cosa più “bella” da fare è ascoltare musica : Fare Musicoterapia.
    Soffro di ansia, ho fibrillazione atriale, ecc, lavoro da giornalista…Ma combatto e non mi abbatto…
    La Musioterapia è il migliore rimedio, a mio avviso.
    E poi c’é la socializzazionem che aiuta molto. Infine occorre programmare, pianificare gli impegni e pensare anche alla….salute…
    E’ difficile riuscire , ma bisogna provarci e cercare di vincere…

    Rispondi
  3. Ciao Cecilia,
    spunto molto interessante dal tuo Vlog odierno, ma spesso, come dici giustamente tu, si ha la sensazione di perder tempo, e perder l’occasione di fare qualcosa di più importante. IO sto letteralmente inseguendo il mio posto nel mondo e la mia età (ho 43 anni), mi fa pensare di non avere abbastanza tempo e questo crea stress e sensi di colpa.
    Grazie per i tuoi video.
    Ciao

    Rispondi
    • Credo sia una conquista continua, e in continuo divenire. L’importante credo sia ricordarci che siamo qui per stare bene e che rallentare aiuta a riuscirci 🙂

      Rispondi
  4. Tutto sacrosanto.
    Brava, grazie.
    Si tratta di tenere “la barra dritta” e considerare impegni importanti anche quelli dedicati a liberare la mente ed a ricaricarla.
    Un saluto

    PL

    Rispondi
  5. Ciao Cecilia io come mi hai insegnato tu medito quasi tutti i giorni, ho ridotto a 6 ore il lavoro in ufficio per dedicarmi alle cose che mi piacciono come insegnare pilates o meditare. A volte provo il desiderio di abbandonare l’ufficio e fare solo ciò che amo ma dopo molto tempo che ti seguo ho ancora paura di lasciare il lavoro fisso di una vita 🙁
    Grazie per i tuoi preziosissimi consigli.

    Rispondi
  6. Bello Ceci…per riuscire a vedere il bello anche nella situazione contraria come la mia, che non mi assumono perché non posso avere tempi competitivi, come per esempio al computer! Continua così! Grazie! 🙂

    Rispondi
  7. Ciao Cecilia,
    mi alzo presto al mattino e mi corico tardi la sera e sono pieno di interessi che non mi fanno mai sapere cosa sia la noia.
    Pur essendo tutti impegni positivi ad un certo punto quando è troppo è troppo!
    Un metodo molto valido che ho trovato è, oltre ad un tempo da dedicare alla meditazione, il ricordarmi spesso durante il giorno di RALLENTARE, RALLENTARE, RALLENTARE: fare tutto senza fretta, senza ansie da aspettativa, con CALMA, CALMA, CALMA!
    Diventa tutto molto piacevole e meno stancante senza contare il fatto che la qualità di ciò che si fa migliora.
    Grazie, ciao – Maurizio

    Rispondi
  8. Io preferisco cominciare bene la giornata:prendo 3 o 4 mele deliziose e mi addentro 2 o 3 kilometri nella foresta di 600 ettari che ho dietro casa,quando incontro un branco di somarelli,taglio una mela e comincio a mangiarne uno spicchio,il profumo che si diffonde nell’aria e il crunk crunk nel silenzio della foresta tra il canto degli uccellini,li attira tutti intorno a me,taglio le mele a pezzetti e glele porgo con la mano,loro le prendono delicatamente con la bocca e poi si lasciano accarezzare,chiudo gli occhi e aspiro l’aria profumata della foresta umida al mattino,non penso a niente e mi sento tutt’uno con la natura e gli animali,mi inebro e mi ricarico di energia,poi scendo sulla strada,prendo la mia auto e vado al laboratorio a creare i miei gioielli e finire gli ordini dei clienti,o svolgo le pratiche burocratiche e,lavoro al computer,insomma faccio quello che c’è da fare.

    Rispondi
  9. Ciao Cecilia, i tuoi video sempre piú professionale grazie per condividerlo. Mi ritrovo con la tua analisi sul tempo dedicato al lavoro. Comincerò a fare una passeggiata di prima mattina… cercado bien ritagliare un po di tempo per il benessere psicofisico fondamentale per il godersi della propria felicità.
    Grazie ancora

    Rispondi
  10. Beh, io avrei trovato una soluzione migliore, veramente ……..non tutti i lavori permettono di riposare quando serve, se ci sono delle scadenze e queste devono essere rispettate lo si deve fare e stop. In certi frangenti il riposo non avrebbe senso, perché non porterebbe a miglioramenti effettivi: dipende dal tipo di lavoro. Se, ad esempio, devo solo riempire dei moduli con dei dati oppure devo dipingere un muro, non mi serve una mente ai massimi livelli, e se devo farlo entro una certa data (quasi sempre ciò accade per cause di altre persone), non posso né mi serve riposare più di tanto. Se, ad esempio, sono un avvocato e devo presentarmi il giorno dopo in aula ma un mio collaboratore ha sbagliato qualcosa, non è sicuramente il caso che mi riposi: il giorno dopo potrei avere dei grossi problemi. Quindi, la regola vale cum grano salis, per chi ha un lavoro modesto senza responsabilità.
    Se invece qualcuno lavora da solo e quindi sbaglia da solo, allora potrebbe essere utile fare come faccio io: a me piace molto quello che faccio (software, nella fattispecie), e quindi per me impegnarmi è un divertimento, è proprio piacevole. Se devo scegliere stare in compagnia senza stimoli e programmare, scelgo la seconda. Quindi, poco riposo perché non mi piace stare fermo. Molto semplice, no?

    Rispondi
    • Verissimo! Credo cmq che molto spesso ci creiamo delle gabbie dorate in cui ci convinciamo di non poterci mai fermare, anche perchè non fermarsi mai ultimamente va di moda a prescindere dagli effetti che può avere sulla nostra salute e consapevolezza 🙂

      Rispondi
  11. Grazie Cecilia!
    Ammiro la tua determinazione. Mi ispiro alle tue parole per creare la mia realtà e dare spazio ai miei desideri di materializzarsi, un passo alla volta, nella mia vita… <3

    GRAZIE
    Eliana
    colorecuoreanima.blogspot.com

    Rispondi
  12. È assolutamente vero. Ma non basta solo saperlo, dobbiamo avere la forza di staccare, dobbiamo organizzarci in tal senso. Dipende da noi…. Ma non sempre pur sapendolo lo facciamo…. Grazie Cecilia un abbraccio

    Rispondi
    • Verissimo! Tra il dire e il fare c’è spesso di mezzo il mare. L’importante è continuare a ricordarcelo, pur sapendo che non sempre riusciremo a farlo 🙂

      Rispondi
  13. Molto bello il video ma tra le parole e i fatti io non riesco a mettermi in linea, sono in un momento in cui la mia professione che adoro, non mi permette di vivere degnamente e mi crea non poche preoccupazioni, sto cercando un part time che mi permetta di essere più Serena, ma la mia mente e’ ingombra di chiacchere.
    Ci provo a volte mi sembra di farcela, a volte no

    Rispondi
  14. ciao Cecilia, ho letto ora la tua risposta.
    Grazie, mi piace tantissimo seguirti e fare parte di questa tribù! con i tuoi consigli sto pian piano guardando il mondo da un’altra prospettiva. Domani mattina voglio provare, mi sveglio 15 minuti prima e faccio una breve passeggiata cercando di liberare la mente. Grazie per i preziosi consigli! <3

    Rispondi
  15. Frequento la piscina del mio paese facendo acquaerobica e in quell’ora che sono in acqua non penso veramente più a niente, faccio yoga a casa e penso li con la stessa oppure faccio una passeggiata veloce, i modi sono tanti

    Rispondi
  16. Ciao Cecilia,
    Tutto molto chiaro a livello di pensiero ma quando si tratta di agire ci si mette di mezzo ancora la mente e faccio fatica! A volte in qualche guizzo seguo l’istinto ma devo allenarmi fortemente perché la mente ha quasi sempre la meglio. Come posso ingannarla o distrarla e dare retta al mio intuito che mi dà sempre ottimi suggerimenti per il mio benessere? Come faccio a fare quel salto, quel click che mi permette di passare all’azione? Grazie in anticipo per i preziosi consigli. Un abbraccio di Luce. Claudia

    Rispondi
    • Ciao Claudia! Splendide domande! Per riuscire ad avere il controllo che desideri sulla tua mente, ti consiglio di iniziare da questo meraviglioso esercizio guidato di Ceci che trovi qui https://goo.gl/57m2FU PS. L’intuizione sarà il tema di cui parleremo questo mese su La Svolta School, sei non sei ancora parte della tribù, vieni a trovarci su https://goo.gl/oPjrhV 😉

      Rispondi
  17. Ciao Cecilia , sono d’accordo con quanto esprimi e anche il mio corpo è d’accordo! Per quanti impegni io possa avere c’è sempre uno o più momenti della giornata in cui mi arrivano segnali che è necessario staccare …così ho imparato a distribuire il mio tempo tra lavoro e cose che mi fanno rilassare , tipo un bel video su youtube oppure mettersi a cucinare . La mente si concentra su altro e stacca dal lavoro e i suoi problemi !

    Rispondi
  18. Hai proprio ragione Cecilia infatti , bisogna prendersi qualche momento per rilassarsi e, prendere in considerazione ciò chè più importante in quel dato momento e ti ringrazio tantissimo per avermelo ricordato.Perchè ci sono priorità a cui non puoi dare un attimo alle proprie priorità!!!!

    Rispondi
  19. Buongiorno bellissima e simpaticissima Cecilia,con questo video fai un doppio effetto benevolo x me,x Te e spero x gli altri,comunque c’è 1 canzone che dice “la vita dura è 1 gran fregatura” da qualsiasi prospettiva aggiungo.

    Rispondi

Lascia un commento