Sei nuovo?
Clicca qui.

Qualche giorno fa, sono stata risucchiata in un inaspettato vortice di insicurezza.

Hai presente il classico dialogo con te stesso che si muove sulla falsa riga di:

Che diavolo ci faccio qui? Sarà mica questo un errore da fare, con tutta la mia esperienza? Non riesco comunque a fare le cose bene come vorrei, tanto vale mollare tutto!

Va a finire che dopo tutto questo tempo la verità è che non sono portata…. ….

Cecilia Sardeo Podcast

E ti risparmio il resto del monologo.

Come spesso faccio in questi momenti, ho aperto Youtube per cercare l’ispirazione necessaria per scrollarmi di dosso quel senso di inadeguatezza.

E puntualmente, la risposta è arrivata 🙂

Provala anche tu, quando dubiti di te stesso e…

Ora dimmi:

Se dovessi incoraggiare te stesso, come se fossi il tuo migliore amico, cosa gli diresti? Che parole useresti?

Sussurralo a te stesso e scrivilo nei commenti qui sotto, perchè non c’è modo migliore di crescere che farlo insieme 😉

PS. Essere sicuri di se stessi significa affrontare la paura per quanto grande e paralizzante sia.

Significa avere il coraggio di osare, di cadere e rialzarsi con rinnovata forza.

Significa decidere di voler dare una Svolta alla propria Vita.

Abbi fiducia in te stesso, tutto quello che ti serve è già dentro di te e aspetta solo di essere riscoperto.

cecilia sardeo firma nome

67 commenti su “Quando il Senso di Inadeguatezza Bussa alla Tua Porta, Guarda Qui.”

  1. Sinceramente non so cosa dire, perché incoraggiare gli altri è facile, ma a se stessi è molto difficile.
    Cinque gli direi guardati dentro di te, così senza giudicare, osserva il movimento interiore e lascia che sia lui a evadere dalla tua vera ragione di vita.
    Visto? Ci sono riuscito.
    Grazie Cecilia

    Rispondi
  2. Innanzitutto mi domanderei di cosa ho veramente paura, e qui è essenziale essere sinceri con noi stessi.
    Recentemente mi sono trovato nella situazione che hai descritto e la risposta è stata: “sto facendo ciò che so fare meglio, se non continuassi cos’altro potrei fare per non annoiarmi e facendolo altrettanto bene?”
    Quindi: CONTINUA.

    Rispondi
  3. Io tutti i giorni, e nei giorni + difficili mi dico queste frasi:

    io me stesso
    io amo chi sono
    io sono coraggioso
    io supero ogni limite
    io sono più di quello che sembro
    io racchiudo in me tutta la potenza e la forza del mondo

    Rispondi
  4. Gli direi che tutto ciò che fà è troppo bello per essere abbandonato…quindi pensa a come uscire fuori da questo stagno, salta fuori e lavora per raggiungere i tuoi obbiettivi senza pensare agli ostacoli.
    Senza pensieri…la tua vita sarà..chi vivrà sarà in libertà..

    Rispondi
  5. il gioco fa crescere tutti gli animali, le filastrocche sono momenti sananti così ricordi che giocavi a giro giro tondo casca il mondo e … tu stai sempre con i piedi sulla terra qualunque cosa accada pertanto il fallimento è una invenzione per creare catene di dominio sulla gente, quando sbagli o finisci qualcosa semplicemente ne inizia un’altra e gioisci per quello che è stato comunque sia. eri panificatore e il pane non te lo acquistano più? evviva va a coltivare frumento, o a vendere fiori, o … fa tu, ci sono mille e mille nuove possibilità e cambiamenti. mica metti per 365gg la stessa maglia! e il tuo armadio o cassetto non ha mica per tutta la vita la stessa identica felpa! visto? tutto giocosamente superabile. ed ora basta poltrire, va!

    Rispondi
  6. È difficile,soprattutto quando la novità sul lavoro rappresenta una nuova,ennesima, sfiancante sfida,ma proprio per questo direi: Perché le altre si è questa no? E se poi tu imparassi qualcosa di nuovo e utile? E se poi ti arricchissi ancora? E se fosse meno peggio di quel che ora pensi? Vai e dimostra che sei speciale.
    Ecco fatto.

    Rispondi
  7. C ‘è qualcosa in te che è oltre la sensazione che stai provando…..quindi smetti di identificarti in essa (inadeguatezza) e osserva il tuo moto interno come un osservatore esterno…..prendine atto “sei venuta a trovarmi inadeguatezza….ti accolgo senza giudizio e ti lascio andare….”L anima partorisce da sola le sue soluzioni…

    Rispondi
  8. Pioveva, è vero, però ora c’è il sole:esci in strada, saluta chi incontri con un bel sorriso, goditi la festa (anche solo guardando le bancarelle) e pensa a quanti doni il Signore ti ha fatto e ti sta facendo…sicuramente la tristezza non è un suo dono e allora disponiti a ricevere SOLO ciò che viene da LUI (che non può essere altro che bene) e vedrai che il sole ci sarà sempre nella tua vita!

    Rispondi
  9. Io credo in te. Perchè tra la paura e la felicità di amarti e amare gli altri,hai scelto la seconda opzione. Sei forte,sana, e hai tutte le potenzialità per affrontare le situazioni che ti si presentano,anche le più complicate. 😀

    Rispondi
  10. Grazie Ceci, sei magica, al mio amico direi. ” guarda se sono riusciti altri, se ci metti dedizione e perseveranza riuscirai senz’altro anche Te. Evviva la vita !!!

    Rispondi
  11. Hai proprio ragione Cecilia,infattti si pensa troppo e non alle cose perdi di vista quelle che ti stanno più a cuore.Quindi anch’io penserò più ai pensieri positivi!!!!

    Rispondi
  12. Scrivi tutti I tuoi pensieri, anche quelli repetetivi. Scrivere ralenta i pensieri e ti rende più cosciente ciò che pensi;. così hai la possibilità di cambiarle.

    Rispondi
  13. Acetto i momenti critici perché da essi evolvo
    Mi aiutano a raggiungere la consapevolezza
    Cioè ” libertà d’essere ciò che sono”
    Lunga strada…..
    Grazie Cecilia

    Rispondi
  14. cara cecilia, ho 66 anni e mi sento inadeguata da sempre. ho scarsa autostima e ora che sono separata tutto e’ peggiorato. con mia figlia c’e’ ancora tanta ruggine…..lei si e’ schierata dalla parte di suo padre e penso non mi voglia bene….ho tanta confusione riguardo ai sentimenti che provo verso i figli e il marito. vorrei che tornasse a casa ma…..non so darmi risposta. le mie giornate sono vuote perche sono sempre in attesa che accada il miracolo….un tempo non ero cosi’! ho insegnato per 40 anni ai bambini , avevo una bella famiglia ma ho sempre pensato di non essere amata da nessuno. non c ‘ e’ speranza, vero? sono affetto dipendente e bisognosa di attenzioni. un caso limite! tanti cari saluti

    Rispondi
  15. Mi direi: tu sei tu, non esiste nessuno come te. Poi andrei allo specchio mi guarderei negli occhi e direi a me stesso: – Ti voglio bene, hai tante risorse e sono sicuro che ce la farai!

    Rispondi
  16. Direi al mio amico di guardare un qualsiasi atleta paraolimpico, penso che la carica che ne deriva sia automatica e tale da superare il momento no che stiamo vivendo.
    I problemi che abbiamo noi o peggio pensiamo di avere confrontiamoli con le difficolta’ OGGETTIVE che devono superare OGNI giorno.

    Rispondi
  17. penso che la vita ci mette sempre dei dubbi e delle insicurezze , pensare i riuscire sempre a farcela è la mia strategia , quasi sempre ci riesco. un abbraccio walter.

    Rispondi
  18. Io Come Migliore Amica di Me Stessa , Direi : Guardati Oggi, Non sei Cosi Tanto Male. Non dico Fisicamente ma Psicologicamente. È Vero Sei Molto Insicura ma per Gli Eventi che Hai Subito e Affrontato in un’Età Non Adatta Già a Conoscere Alcuni Problemi. Ma ciò non deve Essere una Scusa, Per bloccare La Tua Vita!

    Ebbene hai Sofferto di Ansia. L’hai superata. Hai Avuto Dei Momenti Di Panico. L’hai Superato!

    La Vera Paura è quello che Noi Stessi Pensiamo di Noi!

    Si sbaglia tutti, Cresciamo , Cadiamo, Ci rialziamo. Non cresceremmo Mai non Ci Evolveremmo Mai , Se non Sbagliassimo , Se non Cadessimo , Se non Ci Rialzassimo!
    Quindi Apri IL Tuo cuore a Dio , Stai Serena Pensa all’istante Che stai Vivendo , IL domani non fa Parte di Oggi, quando Arriva Lo Viviamo , Cosi come IL Futuro non Ci Appartiene se non Lo Viviamo, e Soprattutto – Lorenza – il Passato è stato Tale e Non Può Essere dimenticato, ma si impara ad Andare Avanti. Come dice la parola è Passato e Non Ritorna Più se Tu Stessa non gli darai IL Permesso!
    Ecco Qui.

    Rispondi
  19. A volte l’ho sentita molto più forte questa voce, ma ora cerco di prendermi in tempo.

    Mi scrivo cosa ho già fatto esempio nei due giorni passati, cerco di pensare che si sono in una posizione di grafico freelance, difficile col mantenere spese e tutto quanto, ma che sono libera, che comunque da oltre 26 anni ci vivo con il mio lavoro e che tante, tante volte sono stata apprezzata, che le opinioni degli altri e quindi i gusti possono essere diversi dai miei, e per questo non me la posso prendere.

    Sarebbe come se una pittrice si arrabbiasse perchè non riesce a vendere tutti i suoi quadri, cerco di accettare le critiche esterne ponendo con gentilezza una ragione culturale. Questo non risolve, ma almeno la mia voce ha espresso un’opinione, non faccio più come periodi passati di insicurezza, che per essere accettata o assunta mi faccio ancora più piccola di quel che sono risultandone un professionista mediocre. Mi dico, Mary, stai facendo tutto il possibile, addirittura oltrepassando la tua zona di comodo. Sto cercando di interessare per quello che faccio senza secondi fini, applicandomi sia psicologicamente con strumenti ben efficaci, sia con lo studio e l’approfondimento e la pratica del mestiere.
    un abbraccio Cecilia

    Rispondi
  20. Ciao Cecilia,
    innanzi tutto grazie, i tuoi consigli e la tua empatia arrivano anche via web.
    Beh, una cosa che a volte dico a me stessa in momenti duri è questa:
    è già capitato…passerà.

    Sembra una banalità, ma me lo ha detto una signora che se lo sentiva dire dal padre nel rifugio antiaereo durante la seconda guerra mondiale, lei aveva 7 anni.
    Ciao!
    G.

    Rispondi
    • Bellissimo Giulia 🙂 Ricordarci che… anche questo passerà… positivo o negativo che sia, ci aiuta a mettere le cose in prospettiva e lasciarci andare meno alle emozioni in modo incontrollato.

      Rispondi
  21. Ciao, hanno scritto in tanti parole così belle e frasi così incoraggianti che ora mi risulta difficile scrivere in libertà
    Non ho guardato la risposta e non l’ho fatto per non farmi condizionare, è così facile essere condizionati…..
    Se quello che hai scritto non è una provocazione ma la verità penso che niente arrivi da dentro casualmente e che dovresti prendere in seria considerazione quella “vocina” che ti sussurra pensieri che sembrano oscuri.
    In realtà è il meglio di cui disponiamo, la critica verso noi stessi è solo il nostro orgoglio che ci fa vedere questo in senso negativo.
    So che vado controcorrente ma non ti ho scritto per metterti in difficoltà ma perchè io trasformerei il famoso detto “cogito ergo sum” in “dubito ergo sum”.
    Credo non dover aggiungere altro perchè potrei annoiarti e magari perchè non avrai tempo di leggermi
    Marco

    Rispondi
    • Ciao Marco! Grazie 1000 per il tuo commento. Sono d’accordo! In effetti, non criticarci mai in modo costruttivo sarebbe nocivo tanto quanto auto lesionarci costantemente. Allora forse, la chiave è fare amicizia con quel lato di noi che tende a metterci i bastoni tra le ruote, cercando di comprendere se si tratta di un messaggio autentico o di un’ insicurezza travestita da logica seduttrice (non ce la farò, perchè _____ 🙂

      Rispondi
  22. Dunque…ultimamente ho fatto un esperimento..l’ho chiamato “molla la zavorra” 🙂
    Consiste in questo:
    Quando un evento mi si para davanti in modo troppo strano e improvviso, e precedentemente ho intimamente anche una sola volta manifestato il desiderio che cio accadesse, sulle prime resisto, ma poi se vedo che le stranezze persistono, io interpreto l’evento come un messaggio raccomandato del cosmo…e lascio semplicemente perdere.
    La sensazione è di liberazione.
    Concentro poi tutte le mie energie sul futuro alimentando la fiamma dell’entusiasmo e curiosita.
    Sto lavorando sulla velocita di eliminazione dei rancori residui eventuali…e sto avendo grandi risultati…in parole povere sono capace di mandare a quel paese, cose persone e situazioni alle quali prima sarei rimasto legato da strascichi lunghissimi.
    Il risultato di questo mio esperimento è che immancabilmente, il cosmo poi mi spedisce alternative sempre migliori…e cosi via…
    Se puo essere utile a qualcuno…
    🙂
    Morris

    Rispondi
  23. Ad un mio amico direi innanzitutto che gli voglio bene che lo accetto per quello che è e che per me è importante saperlo felice anche se per lui la felicità si ottiene in modi diversi che per me

    Rispondi
  24. Ciao Ceci sempre pronta con i tuoi esempi di vita! 🙂 Io credo che l’abitudine positiva porta alla realizzazione di una mente pronta e centrata nel quì e ora..se ci facciamo prendere dal panico, andando nel passato e nel futuro, questi sono gli errori che creano dubbi e possono scalfire ciò che si stà costruendo..le menti negative vivono nella continua commiserazione e non fanno nulla per cambiare..continuare invece nel fare quelle cose che ci portano felicità e pace, ci fanno essere sempre più nel presente e così ci fanno rafforzare le nostre convinzioni che tutto dipende da noi e non dagli eventi esterni..noi siamo l’evento esterno che creiamo con la nostra mente 🙂 perciò un suggerimento che posso dare ad un mio amico e a tutti è: guardati e ascoltati nel profondo di Te e lì troverai tutte le risposte..ciao a tutti grazie! 🙂 <3

    Rispondi
  25. Penso che a volte nn siamo noi ad essere inadeguati o semplicemente strani,le persone che ci stanno intorno vorrebbero che tu facessi quello che nn vuoi tu e allora scatta il pensiero…..
    Devo ammettere che staccarsi da tutto x un paio di ore ,rilassarsi senza pensare in negativo semplicemente…..
    Poi riesci ad affrontare il mondo vedendo le cose in modo più distaccato……solo allora potrai dire o fare ciò che e più adeguato alla situazione….ciao cecy sei x me un grande aiuto

    Rispondi
  26. ultimamente mi capita spesso di criticarmi…….in effetti ad una mia amica suggerirei di guardare a tutte le cose buone che ha realizzato e sta realizzando e di non ascoltare la vocina autolesionista….grazie un abbraccio

    Rispondi
  27. grazie Cecilia per i tuoi bellissimi video che mi hai sempre inviato e confortato sei bravisssima
    ti auguro una splendida giornata grazie di cuore

    Rispondi
  28. Hai ragione Cecilia, più si hanno pensieri negativi come hai detto tu bisogna trovare una via d’uscita pensando a trovare una soluzione positiva,ma non sempre è facile superarli ma con un po’ di coraggio si può superarli,solo che ci vuole molta costanza!!!!Ciao Cecilia i tuoi consigli mi fanno sempre riflettere!!!

    Rispondi
  29. LE o gli direi…GUARDATI SEI UN ESSERE UNICO E PERFETTO COSÌ COME SEI!Non c’è e non ci sarà mai un altro essere uguale…e al posto giusto al momento giusto…Credici…sei una scintilla di…LUCE UNIVERSALE…UN MAGNIFICO E AMABILE PEZZO UNICO..L’UNIVERSO HA BISOGNO DI OGNUNO …COSÌ COME È!!!AMATI E. SARAI CAPACE DI VEDERE LA TUA LUCE

    Rispondi

Lascia un commento