Sei nuovo?
Clicca qui.

L’ambiente che ci circonda influenza senza dubbio la nostra capacità di problem solving…

Ma come fare quando lo spazio che hai a disposizione è piccolo e non offre molte possibilità di manovra?

Come puoi adattarlo per stimolare il tuo pensiero creativo quando ti serve un’idea o cerchi la soluzione ad un problema che non arriva?

Ho raccolto alcune delle mie strategie preferite in questo Ceci Weekly e ora…non ti resta che scoprirle e dare (letteralmente) SPAZIO alla tua creatività!

Cecilia Sardeo Podcast

Quale sarà il tuo primo passo per stimolare il tuo pensiero creativo e far fluire la creatività?

Condividi le tue brillanti idee con tutta la tribù nei commenti qui sotto, perché non c’è modo migliore di crescere che farlo insieme!

cecilia sardeo firma nome

30 commenti su “Come Dare Spazio al Tuo Pensiero Creativo”

  1. Bello, ci proverò, e magari un po’ mi aiuterà. Però il problema vero è che il mio ufficio è condiviso da 8 persone (me compresa), ma ha le dimensioni per ospitarne al massimo 4, con 8 computer, 8 telefoni che squillano..e 8 persone che rispondono e parlano a voce alta. Se non bastasse la stanza comunica con un anticamera in cui ci sono 8 frigoriferi che fanno un rumore continuo e assordante (lavoro in un ente di ricerca). Concentrarsi a volte è totalmente impossibile.
    Ce l’hai una bacchetta magica per me Ceci? davvero ci vorrebbe un miracolo..

    Rispondi
    • Niente bacchetta magica cara Francesca 😉 Capisco che possa essere davvero difficile nelle condizioni che hai descritto ma ricorda…hai ancora potere sul tuo desktop e sullo spazio che hai sulla scrivania…Spero che questi piccoli aggiustamenti possano esserti d’aiuto! 💖

      Rispondi
  2. Cara Cecilia, sei fantastica, ti sono grato e riconoscente, ni fai tanta compagnia e non ti meravigliare….. sono anni che ti segui e ti sono veramente grato, leggo tutto con grande interesse, riesco ad ammazzare il tempo e a non annoiarmi, te lo continuo a ripetere visto che attendo sempre con ansia le tue parole che mi aiutano a superare la noia che l’età mi procura. Sinceri ringraziamenti, ti sono riconoscente, la tua simpatia e le tue parole mi accompagnano quotidianamente. Ancora un grazie e ti ricordo la mia etò in quanto so che mi consideri. Buon fine settimana, sei grande…. Grazie tuo Angelo

    Rispondi
    • Angelo, GRAZIE A TE per aver scelto di essere qui con noi. Hai deciso di superare la noia con una comunità estremamente stimolante e spero che gli spunti non ti manchino mai per rendere ogni tua giornata interessante! Grazie 🙏

      Rispondi
  3. Mi bastano la tua freschezza , e il tuo modo di comunicare la tua vitalità. Si sente che credi in ciò che dici, che sei una persona vera. Grazie Ceci! Gli argomenti sono interessanti perché variano spesdo, ma la parte migliore sei TU

    Rispondi
  4. Ciao ceci, al momento non sto lavorando, però ho uno spazio in camera con unascrivania dove ho “creato” il mio ufficio fittizio 🙂 dovrei togliere qualche cianfrusaglia, ricordi di viaggi passati, anche se mi ritengo una persona ordinata, mi manca una piccola piantina anche se sul desktop del pc ho un passaggio dentro ad un bosco più dalla mia finestra si vede la campagna dove abito quindi mi ritengo fortunata 🙂

    Rispondi
  5. Il mio spazio dove é situato il mio coputer si trova in sala , quind non é il luogo migliore per avere uno spazio con poche cose. Quindi ti dò pienamente ragione quando dici che occono poche cose ma basilari. Quindi devo siestemare parecchie cose per avere un ordine visivo, che mi servirebbe molto per dare un senso alle cose che faccio!!!!!

    Rispondi
  6. Ciao Ceci, condivido completamente i concetti che hai espresso nel tuo video. Io quasi tutti i giorni prima di andare a casa riordino la mia scrivania in ufficio perchè mi sono reso conto da tempo che nel caos si lavora male. Negli ultimi giorni ho accumulato un pò di disordine, ma domani mattina liberare la mia scrivania sarà la mia priorità! Grazie

    Rispondi
  7. Beh, diciamo che è un discorso che hai sintetizzato molto bene, ma che potrebbe prendere molto più tempo… se poi si include lo spazio dove si abita (Giappone docet), allora si va avanti all’ininito 🙂
    Abito in un monolocale e sto ancora studiando come creare un piccolo spazio preghiera/meditazione (sono più di tre mesi che ci penso)… e ce la farò, magari con una casa più grande 🙂 🙂 🙂
    Grazie, e buon lavoro

    Rispondi
  8. Ciao! In ufficio riesco ancora a contenere il caos a casa invece….. È un disastro! Ho passato venti anni della mia vita con una persona disordinatissima ed accumulatore compulsivo, d’altro canto ho sempre rifiutato di arginare la cosa perché detesto l’idea di passare dietro ad un altra persona per rimettere ordine e non mi piace fare duecento volte le stesse cose perché il tempo residuo (sempre poco) lo vorrei dedicare a ciò che mi piace. Insomma adesso ho la casa stipata di cose inutili, doppie e triple, ed ora che finalmente posso disporre del mio spazio mi trovo in una situazione disarmante. Di notte nn dormo per l’eccitazione che sento di sbarazzarmi di ciò che nn serve. Di giorno quando mi guardo intorno sento il peso dell’universo sulle spalle e sulle palpebre e non concludo nulla. E mi sento insoddisfatta ….. è come se il caos mi succhiasse via tutte le risorse.

    Rispondi
    • Patty, un passo alla volta, un #SoloPerOggi alla volta 🙂 I mini-steps sono chiave per superare la paralisi di un’attività così impegnativa. Buona fortuna!

      Rispondi
  9. Grazie Cecilia 💙sempre suggerimenti fantastici
    Se posso rispondere a patty, io ho usato la regola #solo per oggi10 e pianopiano spostando 10 cose al giorno sto facendo spazio e ordine, un abbraccio 🤗

    Rispondi
  10. Cara Cecilia,
    ti seguo abbastanza regolarmente e ti ringrazio per gli ottimi consigli.
    Condivido con te di tenere solo poche cose sulla scrivania e di buttare ciò che non serve. Si ha sempre paura di perdere dei pezzi ma infine quando abbiamo bisogno di qualcosa lo possiamo sempre reperire e quando vogliamo archiviare carte, oggetti, schizzi poi alla fine non si utilizzano quasi mai.
    Non è semplice fare piazza pulita ma di certo ci fa sentire più liberi
    A presto
    Cinzia

    Rispondi
  11. E’ molto vero Cecilia, belli questi indizi e quel gioco che fai é veramente significativo e, spero che il mio spozio diventi creativo.Grazie per i tuoi consigli Cecilia che li apprezzo molto!!!!

    Rispondi

Lascia un commento