Sei nuovo?
Clicca qui.

Sei anche tu un maniaco del controllo?

Uno di quelli che… le cose devono sempre andare come dice lui!

Con il risultato che finisci sempre per fare tutto da solo, perché tanto gli altri farebbero solo peggio?

Allora c’è una pratica che devi imparare ad applicare per lavorare in team senza stress: l’arte della delega!                Con la crescita costante dei miei progetti, lasciare andare la mia smania da controllo e imparare a delegare in modo efficace è diventato fondamentale se non volevo impazzire!

Cecilia Sardeo Podcast

Se l’idea di delegare ti terrorizza, vieni a scoprire la mia formula d’oro per riuscirci con successo, al minuto 02.25 !

E ora diamo inizio alla parte più bella…dove pensi di poter applicare la formula P.I.S. nella tua vita?

Che sia a lavoro, in famiglia o con te stesso, non dimenticare di condividerlo nei commenti qui sotto! Ispirati e lasciati ispirare <3

P.S. Il tuo obiettivo è far crescere il tuo business sul web?

Allora scopri subito Biz Academy, la prima academy dedicata alle donne che vogliono scrivere la loro storia di successo grazie alla rete💋. Ti aspetto qui.

cecilia sardeo firma nome

42 commenti su “Lavorare in Team: La Formula d’Oro per Riuscirci con Successo.”

  1. Non lo so, una volta l’ho fatto e mi sono ritrovata con la collaboratrice che voleva farmi le scarpe, non voleva più collaborare ma portarmi via tutto… per fortuna un’altra persona me l’ha fatto presente e sono riuscita in tempo ad eliminarla.. é stato molto doloroso, era molto brava e la consideravo quasi il mio alter ego.. sigh! Ho sbagliato dandole troppo..

    Rispondi
  2. Scusa Mila se mi permetto. Sono un dirigente del settore pubblico e da anni lavoro con team di collaboratori validi e….meno validi, in un ambito fortemente esposto a rischi dei singoli per la tutela del bene dello stato. Detto questo, consentimi evidenziare che non condivido la tua scelta di “eliminare” la collaboratrice che temevi potesse farti le scarpe. Utilizzala, “sfruttala” nel senso buono è positivo del termine, in altre parole, coinvolgila mantenendo il tuo ruolo di capo. Non è semplice certo, ma è possibile e si acquisisce: nessuno nasce imparato. Ho letto in un altro tuo post la paura che provi a parlare in pubblico, bene delega alla tua collaboratrice questa parte del tuo lavoro. Fidati, vedrai che passo dopo passo sarai tu a parlare in pubblico. Dai collaboratori bravi che hanno qualità e potenzialità non ho timore di imparare. Per i collaboratori meno bravi, beh applico da tempo il PIS e ti garantisco che la loro fiducia ed autostima cresce ogni giorno di più. E se sono più bravo di me, buon per loro!!! Oggi il capo sono io, domani ci saranno capi più bravi di me. Tanto di guadagnato per l’Istituzione per la quale lavoriamo e per il bene del Paese. Nel privato capisco che uno più bravo può diventare un possibile concorrente. Ma tesoro mio, se questa persona valida la “elimini” ti sei creata da sola una sicura concorrente e rivale. Se ha possibilità e risorse per avviare la tua stessa attività ti ha fregato perché Dante ha imparato molto. Se non può e si fa assumere da altra ditta nel medesimo tuo settore ti ha fregato comunque perché travasa le conoscenze acquisite da te ad un altro. Ascoltami, se hai modo, riallaccia il rapporto, chiedi scusa umilmente e riprendi la con te, magari, come pensavi tu, come tua alter ego, aumentale lo stipendio con qualche benefit in più e vedrai che team avrai alle tue dipendenze. Perdona l’invasione! Ti abbraccio. Tony

    Rispondi
  3. Nessuna pretesa sono da solo anzi cerco collaboratori ma non si trovano , tutti vogliono il brand ,ma il Brandoli più grande è il nostro pensiero. Però un progetto c’è l’ho : mettere su carta i miei pensieri le mie idee la mia vita .

    Rispondi
    • Dare fiducia agli altri non è mai un processo semplice, credo che la viviamo tutti prima o poi questa difficoltà, a lavoro o nelle relazioni! Penso che una delle forze del modello PIS è che può essere applicato anche indipendentemente, senza aver bisogno dell’approvazione o della delega di qualcun altro. E poi chissà Lisa, una volta applicato al tuo lavoro, riuscirai ad ispirare chiunque ad implementarlo anche verso gli altri 😉 Che ne pensi? 😘

      Rispondi
  4. Ho incominciato a usare il metodo PIS al lavoro,funziona eccome se funziona.Ho cominciato con le piccole cose e quelle piccole cose sono diventate un grande aiuto,erano pochi minuti che perdevo ogni qualvolta qualcuno mi chideva qualcosa minuti che sono diventati ore di recupero lavorativo.Grazie per i suggerimenti.

    Rispondi
  5. Salve,il consiglio è buono,ma potrebbe essere fondato sulle sabbie mobili.Il primo requisito per poter delegare non è il come,che anche se importante viene da se,ma a chi? E qui cadde l’asino,per dirla come te.La stragrande parte dell’umanità è inaffidabile e non dice mai il vero! Ti riempiono di motivazione per giustificare la propria ignavia ed è per questo che dico :” quando trovi una persona UOMO /DONNA VERA, tienitela stretta,non ne troverai tante nel percorso della tua vita.”
    A questa persona puoi delegare come suggerisci ad occhi chiusi,altrimenti,come consiglio io ai miei amici.” La delega senza controllo è un suicidio”,purtroppo questa è l’umanità che ci circonda e che ci costringe ad avere fiducia (visto che l’uomo vive in affinità con l’uomo) ma ad essere cauti e guardinghi e ci spinge a quel controllo di cui parli. Il mio consiglio è quindi quello di prenderci in gestione la quantità di MEST (materia energia spazio tempo ) che possiamo agevolmente controllare,poi per crescere imparare a giudicare le persone che ci circondano,(dicevano gli indiani d’America ,camminare tre lune nei suoi mocassini) e solo dopo delegare,cautamente e progressivamente ,riservandosi comunque un controllo a campione. In questo tuo blog,cara ceci,dai dei consigli formativi stupendi,ma,questo di oggi detto così è uno stimolo al suicidio economico,o sociale o altro.
    Un abbraccio di luce
    Giuliano

    Rispondi
  6. Cecilia, i tuoi consigli sono sempre utili…; sei una specie di angelo custode che veglia sulle nostre debolezze. Non è facile responsabilizzare gli altri ad agire autonomamente; spesso manca l’entusiasmo e la passione, anche quando gli obiettivi sono finalizzati al bene comune. Considero i tuoi suggerimenti molto utili, se non altro perché mi incoraggiano a ritentare un trasferimento di “carica” nei miei collaboratori volontari. Grazie

    Rispondi
  7. Delegare è importante per l’autostima di tutti quanti poiché da importanza a chi riceve l’incombenza di fare tale cosa e anche a chi si dimostra fiducioso nell altro. Bisogna lavorare in team. Ho già provato le due situazioni ossia quella di volere il controllo su tutto e anche quella di delegare e avere piu’ spazio, più tempo ecc.

    Rispondi
  8. Per decentrare attività in un settore dove la pertinenza è sotto la tua responsabilità ritengo utile il metodo PIS solo se il delegato è stato indirizzato bene per una preventiva proiezione sulle azioni intraprese per anticipare la causa/effetto dei problemi o benefici che si possono generare. “Prevenire è sempre meglio che curare”

    Rispondi
    • Certo, credo che prima di delegare qualsiasi attività è sempre necessaria una fase di condivisione profonda del significato di quelle responsabilità e del modo in cui sono affrontate all’interno dell’azienda! Altrimenti è come andare alla cieca 😉

      Rispondi
  9. Il Pis è certamente importante nella vita di chi si trova a dover affrontare tante incombenze quotidiane, io per il momento riesco a gestire il tempo e quello che devo fare in quel tempo, grazie Ceci cmq dei tuoi video illuminanti!
    Un abbraccio di luce!

    Rispondi
  10. Questo modello di approccio mi sarebbe stato molto utile l’anno scorso quando mi sono trovato ad avere una squadra che lavorava insieme a me al ristorante dove ero Chef…. sicuramente mi tornerà utile in futuro insieme alle esperienze passate! Grazie Ceci!

    Rispondi
  11. Grazie Cecilia, il modello,PIS è fondamentale per sopravvivere in mezzo ai mille impegni quotidiani.
    Se siamo capaci di applicarlo permetteremo di crescere ai nostri collaboratori e di conseguenza troveremo il lavoro svolto al meglio.
    Io, per iniziare, ho rinviato la domanda che mi veniva fatta a coloro che mi chiedevano cosa dovevano fare, chiedendo, tu cosa faresti? Piano piano lasciando andare, sicuramente con una certa difficoltà iniziale, mi sono resa conto che posso stare tranquilla perché i lavori vengono portati avanti ed io ho tempo per svolgere altre mansioni di crescita. A volte ci ricado e quindi, ricomincio da capo….

    Rispondi
  12. Ti ringrazio per i tuoi consigli che hai dato che oggi sono 3 e ho notato che, sempre validi ieri oggi domani.Ciao Cecilia e ti sauto per tutto quello che dici
    che hanno sempre una validità!!!!

    Rispondi
  13. Grazie Cey, sto aspettando il momento in cui potrei accedere alla Biz Academy
    devo dire che mi dai sempre grandi spunti nelle master class che mi aiutano sempre più nel quotidiano.

    Un grazie di cuore,
    Raffaella

    Rispondi

Lascia un commento