Sei nuovo?
Clicca qui.

Quando è stata l’ultima volta in cui ti sei trovato a rincorrere l’orizzonte?

Che domanda! Penserai. Questo non è possibile, l’orizzonte è solo un’illusione!

Eppure non ci sembra così sciocco trascorrere ogni giorno cercando di essere perfetti, vero?

Anche se sappiamo che la perfezione non esiste… e che proprio come l’orizzonte, ci sfugge di mano lasciandoci puntualmente a bocca asciutta.

Cecilia Sardeo Podcast

Davvero vuoi continuare a vivere pensando di dover sempre fare di più, essere di più, dare di più… perché non è MAI abbastanza?!? Dando ascolto a quella voce che ti dice che non sei preparato abbastanza, che non ti meriti quest’opportunità, che non sei nessuno per… ?

Se anche tu soffri della cosiddetta ”sindrome dell’impostore” e non sai come uscirne, questo Ceci Weekly potrebbe cambiarti la vita!

E ora, iniziamo a REAGIRE e liberarci da questa sindrome scrivendo nei commenti qui sotto:

Qual è quella cosa che vorresti realizzare nella tua vita ma che non hai ancora iniziato per paura di sentirti un impostore?

cecilia sardeo firma nome

44 commenti su “Sindrome dell’ Impostore: Come Liberarsene”

  1. Ho paura di cominciare a lavorare sul mio blog e sul mio sito per far conoscere il mio progetto VOLARE CON AMORE perchè ho paura he: le persone che hanno paura di volare non vogliano mettersi in gioco e sopratutto farlo con me!

    Rispondi
    • E a meno che tu non inizi effettivamente a far sapere alle persone del tuo progetto cara Valentina…questa paura rimane solo un’illusione nella tua mente 😉

      Dai alle persone una possibilità di scegliere di VOLARE CON AMORE, alcune sentiranno la chiamata altre sceglieranno di non percorre questo percorso…ma devono almeno sapere che questa opportunità esiste!

      Rispondi
  2. La mia paura e’ parlare a un pubblico. Quando mi ritrovo con molte persone davanti la mia mente si annulla e non riesco più a fare un discorso completo, chiaro ed esauriente

    Rispondi
  3. Non faccio ancora partire il mio servizio come coach, non riesco a sentirmi all’altezza di questo “titolo”, anche se so, dal profondo del mio cuore, che la mia mission è di essere al servizio degli altri, essere uno strumento per ritrovare la propria essenza, per esprimere se stessi e la
    Propria armonia..

    Rispondi
    • Sii l’esempio che vuoi che i tuoi futuri coachees seguano cara Erika! <3 Regala loro il coraggio di essere attraverso l'ispirazione della tua stessa storia!

      Rispondi
  4. I miei colleghi hanno pensato a me come la persona più adatta a presentare il nostro progetto davanti a una classe intera di altri gruppi di lavoro, ma io non mi sento affatto all’altezza! Loro dicono che sarei perfetta, ma io continuo a vacillare tra il farlo o meno. Grazie Ceci con questo video mi hai dato una spinta a provarci! accetterò la proposta:D

    Rispondi
  5. Il palco è quello dell’A-FEST giusto? Se è quello è bellissimo. Anche io vivo tutti i giorni con la sindrome dell’impostore. Come dice il genio di Aladdin: <>. a volte inoltre più una persona è o si sente profonda, intelligente, talentuosa ma fortemente incompresa la paura è l’oggettività di ciò che è creano una bomba sconosciuta a chiunque che spesso frena l’agire. Ci stiamo lavorando!

    Rispondi
    • Era proprio all’A-Fest caro Paolo! E continua con il tuo importante lavoro interno, hai visto che sta già dando frutti anche dentro la tribù?

      Rispondi
  6. Penso che questa sindrome mi accompagni fin da piccola…ho sempre pensato di non essere abbastanza e anche adesso mi trovo a fare confronti in continuazione…non ho mai dipinto o sviluppato le altre mie qualità artistiche x paura del giudizio….ma ci sto lavorando come sto lavorando alla mia autostima…grazie X gli spunti di riflessione

    Rispondi
  7. Faccio parte di una compagnia di musical ma non mi oso mai a tentare parti di solista accontentandomi di cantare le parti corali o di recitare parti soliste non cantate, troppa paura di sbagliare

    Rispondi
  8. Per tanti anni, anche se lavoravo sempre, passavo da una fase di depressione all’altra, ma ora che ho trovato il Maestro, ovvero Lui ha trovato me, l’Antiguru, Jiddu Krishnamurti, la mia Vita è Cambiata!
    Ora da semplice “dipendente” sto per Fondare/Costituire, Insieme a 2 Amiche, un'”Associazione di Volontariato” che Offre Servizi Olistici alla Persona e ai Gruppi, a 360 Gradi!!!
    Grazie Cecilia… Anche per i Tuoi Suggerimenti!

    Rispondi
  9. Cosa non ho ancora fatto é quella un fattore mio personale che mi costringe a volte di acconsentire anche se io non voglio, come dicevi tu per mancanza di coraggio e, per paura di non essere presa in cosiderazione!!!!

    Rispondi
  10. La mia paura è di non essere all’altezza di presentare il mio lavoro ad un gruppo di persone. La mente si annebbia e nonostante gli appunti e la preparazione non riesco ad avere la chiarezza necessaria. Grazie per la distinzione fra fare del mio meglio ed essere perfetta, è di grande aiuto a vedere il punto!!

    Rispondi
  11. Sono sempre compiacente verso gli altri,sto provando a volte a dire ciò che credo. Mi sento molto in colpa e svalutata,ma continuare così nn e’ vita.

    Rispondi
  12. Sono sicura che prima o poi, con il tempo, riuscirò ad accettare che gli eventi purtroppo non avvengono solo come voglio io e devo imparare ad accettarli e coglierli in modo positivo (devo dire che ultimamente ho fatto passi da gigante). Penso che tante volte mi blocco perché ho paura di non farcela o di non crederci abbastanza, ma è stupido, perché l’importante che mi piace e ci credo, che sia qualcosa che mi fa sentire bene!

    Rispondi
  13. Io soffro di questa sindrome da sempre e per quanto sia costantemente in continua ricerca e crescita personale e professionale, non mi sento mai adeguato, adesso che so che faccio parte del 70% mi sento più realista e meno fake

    Rispondi
    • Siamo in molti caro Dimitri, e c’é una frase che una volta mi ha detto Ceci che vorrei condividere con te “E spesso sappiamo varie cose ma non le mettiamo in pratica perché siamo convinti di non sapere ancora abbastanza! Di non essere mai pronti!

      E finisce proprio per essere così! Perchè le cose da imparare non finiscono mai, e soprattutto quello della crescita personale, è un viaggio lungo una vita.

      Davvero vuoi aspettare ancora prima di buttarti nell’arena e scoprire di che cosa sei capace?”

      Spero sia d’ispirazione anche per te 😘

      Rispondi
  14. Ciao Ceci e grazie per tutte queste perle di saggezza. Capisco perfettamente quello che vuoi dire perchè anni fa ero in pieno panico e paura di fare ogni cosa e questo mi ha condizionato la mia vita sia personale che lavorativa. Ma poi con il cambiamento e la dedizione nel capire cosa volere esattamente, mi ha permesso di capire dove andavo in panico, soprattutto per condizionamenti dovuti alla mia crescita. Ma ecco che con la dedizione, corsi di gestione dell’ansia e di come parlare in pubblico, lettura di libri ecc ecc da lì tutto è cominciato a cambiare, ho cominciato ad avere fiducia in me, a non farmi prendere dall’ansia di prestazione e di essere giudicato..nulla mi toccava più ed ecco che oggi, posso gestire il mio lavoro al meglio, parlare in pubblico e con tante persone che incontro e poter gestire il mio gruppo su Facebook dando dimostrazione che tutto è possibile..non mi sento arrivato, perchè sarebbe un grande errore, ma continuo la mia crescita, consapevole che la mia vita oggi è serena e di quello che dicono gli altri non mi tocca più 🙂 grazie di tutto ciao Ceci!

    Rispondi
    • Franca, noi che di commenti ne leggiamo molti qui e ad Omnama ti possiamo assicurare che di giudizi ne arrivano vari, ma questo non toglie tutto il bene che puoi condividere con varie persone che ti seguono, incluse magari quelle che lo faranno in silenzio, senza mai farti sapere quanto i tuoi video sono stati importanti per loro <3 Se hai un dono da condividere...non tenerlo per te!

      Rispondi
  15. Ciao Ceci, io sono anni che sono in crescita nel cammino spirituale. Ho raggiunto ottime competenze e ne sono consapevole. Ma la paura di far diventare questa passione un lavoro mi paralizza!!!!!

    Rispondi
  16. non ho mai provato a propormi per relazionare un articolo scientifico o un lavoro scientifico davanti a tanti colleghi per paura di non essere abbastanza….intelligente…preparata…una bella voce…divertente…interessante…

    Rispondi
  17. Chiudere una relazione in cui ho dato tutta me stessa e in cui lui mi considera meno importante di tutto da scegliere me anziché restare nella sua finta famiglia da mulino bianco

    Rispondi

Lascia un commento