La nostra vita oggi, è per gran parte, la somma delle abitudini che abbiamo costruito nel tempo.

Come dice Aristotele, siamo quello che facciamo ripetutamente, quindi eccellere non è solo un’azione.

E’ un’abitudine. E non può che essere vero anche l’opposto.

Questo vale per ogni singola area della nostra vita.

Quanto siamo in forma? Un risultato delle nostre abitudini.

Quanto siamo felici o infelici? Ancora una volta un risultato delle nostre abitudini.

Quello a cui pensi ogni singolo giorno, finisce per influenzare le tue azioni quotidiane, che plasmano a loro volta la tua persona.

Il problema è che spesso siamo così assorbiti nelle nostre abitudini, da essere finiti sotto una sorta di incantesimo. Un incantesimo con cui ci identifichiamo a tal punto da credere che tutte queste abitudini rappresentino la nostra vera identità e che non potrebbe essere altrimenti.

Ma cosa succede se rompiamo l’incantesimo?

Ad esempio se vogliamo sostituire una vecchia abitudine con una nuova, magari più sana, utile e costruttiva?

Se vogliamo sfidare il tipo di persona che siamo oggi, per migliorarla?Una cosa è certa: costruire nuove abitudini richiede del tempo, decisamente più tempo di quello che la maggior parte dei libri sull’argomento ci vorrebbe far credere.

Sono certa che hai già sentito che ci vogliono tra i 22 e i 28 giorni per costruire una nuova abitudine.

Giusto? … Sbagliato!

Almeno non è questo il numero che viene confermato dalla scienza…e onestamente, nemmeno dalla mia esperienza personale.

Sulla base delle ricerche in merito infatti, ci vogliono almeno 66 giorni per trasformare un comportamento in qualcosa di così integrato alla nostra routine da non poterne più fare a meno.

Un po’ come lavarsi i denti o farsi la doccia ogni mattina.

Quindi, lasciare andare il bisogno di risultati immediati, è il primo requisito essenziale per costruire una nuova abitudine con successo.

La buona notizia, è che 60 giorni non è poi così tanto per un’abitudine che poi durerà una vita intera.

Ma c’è un altra buona notizia.

E sto parlando di 3 step pratici che puoi seguire sin da oggi per cambiare abitudini e costruirne una nuova in modo più rapido e semplice.

La maggior parte di questi step è sin divertente, quindi resta con me ancora qualche minuto.

 

Step 1. Comincia piccolo e ripeti

La parte più difficile del creare una nuova abitudine, non sta tanto nel cominciare quanto piuttosto nel continuare…

Sì perché quando cominciamo, siamo spesso iper ottimisti sulla nostra capacità di restare fedeli all’impegno preso.

E così, se oggi sei super motivato all’idea di andare in palestra, ti riprometti che ci tornerai almeno un’ora al giorno per tutta la settimana. Ma poi arriva domani, e già ti senti meno motivato del giorno prima.

Le gambe sono indolenzite dall’allenamento del giorno precedente e l’entusiasmo è sceso di un bel po’.

Allora decidi di prenderti una pausa e rimandare a domani. Ma quel fatidico domani, non arriva più 🙂

Cosa succederebbe se invece che prendere grandi decisioni di impulso nei giorni SI, e poi sentirti sopraffatto e scoraggiato nei giorni NO, cominciassi con una sfida un po’ più piccola.

Qualcosa a cui è quasi impossibile dire NO anche se le condizioni e il tuo umore sono cambiati.

Ad esempio: invece che riprometterti di andare in palestra un’ora al giorno, comincia da 30 minuti ogni 2 giorni. E magari aggiungi una semplice camminata sotto casa a giorni alterni.

E’ molto meno impegnativa come decisione, ed è molto più probabile tu riesca a mantenerla per un numero di giorni sufficienti a trasformarlo in un’abitudine.

 

Step 2: Non rompere la catena

Questo è uno dei trucchi più efficaci che abbia mai provato per restare fedele ai fatidici 60 giorni necessari per costruire una nuova abitudine.

E’ semplicissimo: stampati un calendario oppure prendine uno da tavolo che puoi tenere sulla scrivania senza che riempia troppo spazio. Quindi, cancella con una bella X ogni giorno che ti mantieni fedele all’impegno preso.

Dopo già 3-4 giorni comincerai ad avere una catena.

Più continui più lunga sarà la catena e meno saranno le probabilità che tu la rompa. Perché? Semplicemente perché non vorrai vederla interrotta sulla carta.

Diventa un gioco che ti aiuta a mantenere la motivazione e la costanza necessaria perché si consolidi la nuova abitudine.

 

Step 3. Gestisci la tua forza di volontà invece che cercare di aumentarla.

La maggior parte dei noi, tende ad oscillare tra i momenti nella vita in cui siamo super motivati a seguire un impegno preso (che si tratti di mangiare meglio, finire la lista di cose da fare o simili), e momenti in cui la tentazione di rinviare, o mandare tutto all’aria, prende il sopravvento. Dall’esterno sembriamo un pendolo, che continua ad oscillare tra 2 opposti.

Quello di cui spesso non ci rendiamo conto è che la nostra forza di volontà è una risorsa limitata.

Se guardiamo all’arco temporale di 24 ore, la nostra motivazione tende a ridursi nella seconda parte della giornata. Fortunatamente per noi, si tratta sì di una risorsa limitata ma rinnovabile. Ciò significa che possiamo riempire nuovamente la tanica prendendoci un po’ di riposo.

Il che ci dice qualcosa di molto importante: ci dice che non è di più forza di volontà che abbiamo bisogno per fare di più e meglio, quanto piuttosto di un uso più accorto della forza di volontà di cui disponiamo ad inizio giornata, così da fare al meglio le cose più importanti per noi.

Quindi, invece che catapultarci nella terra degli estremi, dove è tutto o bianco o nero, accetta di costruire una nuova abitudine alla volta.

Se sai che la tua priorità in questo momento è la salute non essere troppo duro con te stesso se non riesci a rispettare una scadenza al lavoro, e viceversa.

Investi la tua forza di volontà nel costruire una nuova abitudine alla volta e datti almeno 60 giorni.

Una volta che l’abitduine è ben integrata nella tua vita infatti, richiederà molto meno sforzo per mantenerla, e ciò significa che potrai investire le tue riserve di energia per costruire la prossima abitudine su cui vuoi lavorare e così via.

 

Ed eccoli qui: 3 semplici step pratici per costruire una nuova abitudine (e rimpiazzarne una vecchia).

Step 1. Comincia piccolo e ripeti

Step 2: Non rompere la catena

Step 3. Ottimizza la tua forza di volontà anziché cercare di aumentarla.

 

Ed è arrivata la parte migliore!

Non vedo l’ora di sapere qual’è la tua esperienza sull’argomento.

 

In particolare:

1. C’è una nuova abitudine che vuoi costruire?

2. E qual’è un’abitudine che invece vuoi sostituire?

3. E, ultimo ma non meno importante…da quale di questi step pensi di poter cominciare? Fino alla prossima occasione, non vedo l’ora di leggere i tuoi commenti qui sotto.