Sei nuovo?
Clicca qui.

 

Per Ascoltare il Podcast Ovunque Vuoi, Scaricalo Qui>>>

 

Qualche anno fa, ero agli inizi della mia carriera.

Cecilia Sardeo Podcast

Avevo appena cominciato a lavorare per una nuova azienda ed ero…be, come si suol dire l’ultima ruota del carro.

Era un’azienda straordinaria, piena di opportunità per crescere, così all’avanguardia che avevo la possibilità, come nuova arrivata, di scegliere un mentore tra i dirigenti di allora, che mi guidasse nel mio percorso di crescita. E così scelsi una donna disponibile del gruppo, che sembrava essere molto preparata e sicura di sé, una sorta di modello che avrei potuto prendere ad esempio.

Il programma di mentorship non andò proprio come me l’ero immaginato. Avevo la netta impressione, più tardi confermata, che la mia mentore stesse facendo del suo meglio per tarparmi le ali nella mia crescita professionale e mettermi i bastoni tra le ruote. Addirittura rideva di fronte ai miei tentativi di condividere nuove idee, che giusto per dovere di cronaca, sarebbero state adottate in seguito, ma in circostanze più favorevoli.

Per farla breve, è stato uno dei periodi più difficili della mia vita lavorativa. Sapevo di poter crescere, ma ero completamente bloccata. Cominciavo addirittura a pensare che forse era vero, non ero sufficientemente brillante per farcela. Che la mia mentore aveva ragione. Non voglio nemmeno pensare a dove sarei adesso se quella convinzione avesse messo radici stabili nella mia mente.

Quindi, per tornare un attimo al momento presente, che cosa puoi fare quando senti che le persone stanno giudicando le tue capacità e il tuo potenziale direttamente o indirettamente e come evitare il rischio di credere a ciò che dicono?

Be, sono convinta che richieda una vita, ed è un percorso di apprendimento continuo, ma la buona notizia è che diventa più facile nel tempo.

La prima cosa da fare?

1. Rompi il circolo vizioso, notando quando sei tu a giudicare gli altri

Se ci pensi un attimo, concorderai con me che la nostra prima reazione alla maggior parte dei discorsi che sentiamo dagli altri, è una valutazione. Giusto o sbagliato, valido o scorretto, normale oppure no.

Siamo talmente abituati a giudicare gli altri da trovarci fin troppo spesso a farlo per abitudine. In automatico. Che si tratti di qualcuno che indossa qualcosa che tu non metteresti mai, o la signora che non riesce ad infilare la macchina nel parcheggio o un amico che ha fatto una scelta diversa da quella che ci saremmo aspettati.

Ora, secondo la legge dell’espansione, le cose su cui ci concentriamo ripetutamente, sono anche quelle che si estendono a macchia d’olio nelle nostre vite. Questo significa che più giudichiamo altre persone, più giudizio da parte degli altri attiriamo verso noi. Trovandoci intrappolati in un labirinto senza uscita.

Questo allora è un esercizio per te: per un giorno soltanto, prova a ‘’beccarti’’ nell’atto di giudicare qualcuno o qualcosa. Appena te ne accorgi, augura a quella persona che stavi per giudicare o hai appena giudicato, qualcosa di bello. Potrebbe essere tanto semplice quanto una buona giornata.

Fallo con il pensiero, non serve tu lo dica a voce alta. L’importante è che sia autentico e venga dal cuore. Qualunque cosa ti auguri per le persone che ami, prova ad augurarlo a qualcuno che non conosci bene o non ti va troppo a genio.

Dopo di che, osserva se cambia il modo in cui ti senti (indizio? ti assicuro che cambierà parecchio … e in meglio 🙂

Dopo che ti sei familiarizzato con l’esercizio una prima volta, riprova una seconda. Non aspettarti di riuscirci sempre. Una volta al giorno può essere sufficiente per cominciare, e poi da lì cerchi di ripeterlo con maggiore frequenza. Diventerà più semplice con il passare del tempo e riducendo le critiche gratuite verso gli altri ti darai l’opportunità di comprenderli meglio e comincerai a notare un cambiamento significativo nelle tue relazioni con le persone, a molti livelli.

La seconda cosa da fare?

Step 2. Sfrutta le critiche a tuo vantaggio

Più spesso che non, le nostre reazioni alle critiche e il giudizio che esprimiamo nei confronti degli altri, riflettono un giudizio che abbiamo anche per noi stessi. Quindi è fondamentale che quando intercettiamo una critica che stavamo per fare nei confronti di qualcuno, proviamo ad analizzarla per capire che cosa significa davvero per noi.

Il modo migliore per farlo, è trovare un posto tranquillo per ricongiungerti al tuo io più autentico, quello che non cambia in relazione a cosa dicono gli altri. Siediti e resta semplicemente qualche minuto in silenzio (puoi mettere un timer se hai poco tempo), concentrandoti semplicemente sull’atto dell’inspirare e dell’espirare.

In questo modo cominci ad osservarti da una posizione di neutralità e cominci a diventare più consapevole del fatto che tu non sei né la persona che tutti riempiono di complimenti, né quella che tutti riempiono di critiche.

Per qualche minuto diventi un osservatore quasi divertito che guarda dall’alto, non più ipnotizzato dal giudizio altrui o da quello che tu hai di te stesso. E acquisti così consapevolezza della tua vera identità, libera da qualsiasi forma di giudizio.

Non dimenticare che ogni persona che incontri ha qualcosa di speciale da darti – ma solo se tu sei aperto a riceverla.  Spesso uno scontro ti apre una finestra su quello che tu non riesci ad accettare di te stesso. Uno sguardo onesto oltre quella finestra ti farà capire che spesso le reazioni che hai nei confronti degli altri, ti danno più informazioni utili su te stesso che non su di loro.

Passare da un dialogo interiore negativo verso te stesso e gli altri, ad un dialogo costruttivo e compassionevole farà sentire la differenza nella tua quotidianità. Garantito 🙂

3) trasforma la tua rabbia in energia costruttiva

Quando ho capito che la mia mentore non mi stava supportando affatto, al contrario, stava facendo del suo meglio per screditarmi di fonte ad altri membri influenti dell’azienda, mi resi conto che la mia unica via d’uscita era fare leva sulla mia frustrazione per trasformarla in energia costruttiva. Così mi sono rimboccata le maniche e decisi di lanciare una sfida al mio capo per avere una promozione. Se avessi perso, avrei rassegnato le mie dimissioni. Vinsi la sfida, e oggi quello che allora era il mio capo, è il mio socio 🙂

Quindi la prossima volta che senti così tanta energia negativa che saresti capace di lanciare un tavolo fuori dalla finestra, fermati per un momento e pensa. Se riuscissi a canalizzare la stessa identica energia altrove , quante cose pazzesche riuscirei a fare per poter risolvere il problema che mi sta torturando?

Senza che nemmeno l’avessi previsto, la mia reazione costruttiva ad una situazione che sembrava senza uscita, mi ha fatto fare il salto più importante per la mia carriera. Non posso dirlo con certezza, naturalmente, ma ho la netta sensazione che se non mi fossi trovata in quella situazione, non avrei trovato le energie necessarie per riuscirci, o comunque ci sarebbe voluto molto più tempo. Chi l’avrebbe mai detto che un giorno sari stata grata a questa persona!

Ricorda, come dice Pema Chodron ‘’se impariamo ad aprire i nostri cuori, tutti, incluse le persone che ci fanno impazzire, posso diventare i nostri insegnati’’.

Ma io ho parlato abbastanza. E’ arrivato il tuo momento:

 Come reagisci quando ti senti giudicato? E qual’è la rua ricetta per affrontare queste spiacevoli situazioni?

Condividi i tuoi pensieri sui commenti qui sotto. Non vedo l’ora di conoscerli tutti 🙂

cecilia sardeo firma nome

15 commenti su “Grazie per Non Aver Creduto in Me [Aumentare l’Autostima].”

  1. Se la critica è costruttiva ben VENGA! purtroppo spesso si ricevono critiche DISTRUTTIVE, anche quando siamo perfettamente coscienti di non essere quella persona che l’altro descrive o giudica.
    Io non giudico nessuno e non auguro mai del male a nessuno nemmeno a chi mi distrugge psicologicamente. Ma non riesco nemmeno ad augurarle un mondo di bene….
    Spero solo di trovare la forza di reagire ed uscire dal circolo vizioso del giudizio altrui …

    Rispondi
  2. Il giudizio altrui mi fa male nella misura in cui ” l’ altro” è una persona significativa per me e mi aggancia riguardo a qualche parte non risolta.Quando avviene, ho imparato a restare in contatto con la sensazione di disagio, immaginandomi che è la parte bambina di me che piange perché continua a non sentirsi abbastanza, l’ abbraccio, parlandole con tono amorevole. E avendo la piena consapevolezza che non si può dare ciò che non si ha. Se l’ altra persona, che ritengo mi abbia ferito, è pronta ad un confronto, comunico ciò che sto provando, e solitamente mi accorgo che la mia percezione non corrisponde a quella altrui, oppure, lavoro direttamente sul disagio ringraziando interiormente l’ altra persona di avermi dato luce su un aspetto ombra di me. Ciò che ho compreso perfettamente e sperimentato nella mia vita è che il giudizio altrui mi aggancia soltanto nella misura in cui ho questioni non risolte con me stessa, altrimenti, pongo domande di chiarificazione restando in uno stato di serenità e tranquillità.

    Rispondi
  3. questo articolo capita a pennello! ieri sera per l’ennesima volta sono stata accusata e aggredita per cose di cui non mi sento assolutamente colpevole (e ovviamente giudicata). Dire che avrei scaraventato un tavolo è dire poco… sono stata Hulk per qualche ora….
    Ma in realtà lascio scorrere, il tempo mi darà ragione, e per far entrare nella vita qualcosa di nuovo e migliore bisogna far uscire “il marcio”.
    cercherò di usare questa energia negativa per fare qualcosa di buono per me stessa! non so ancora cosa… ma qualcosa salterà fuori!
    ogni vostro consiglio è ovviamente ben accetto!
    grazie!

    Rispondi
    • Forza Stefania, ricorda che chi ci accusa ingiustamente ha dei propri problemi da affrontare. E l’accusa, spesso, non ne è altro che il riflesso.

      Rispondi
  4. Io mi arrabbio, perché mi sento svalutata. Poi però non voglio che tale critica mi cambi l’umore e quindi me la faccio passare per ritornare serena. Vorrei lavorare sul suggerimento dato di usare la critica come insegnamento.

    Rispondi
  5. Sono una persona che giudica molto nel bene e nel male, ho allontanato tutti per avere più spazio nella mia vita e per apprezzare di più me stessa e trovarmi, senza farmi condizionare dagli altri, che purtoppo, o si vivono in manera ditaccata, oppure ci fanno male… Gli affetti punto cardine della mia vita, irrisolto… Ho un’età ormai molto adulta, ma sono indietro in questi distacchi, ognuno ha i suoi tempi… Farò le considerazioni che mi sono state suggerite, spero di aprire il mio cuore all’amore e all’accettazione degli altri..le prove che ho fatto per essere accettata così come sono, sono state tutte vane… Farò spazio dentro di me, per trovare prima la bella persona che sono io, di conseguenza accettare gli altri, diciamo che l’amore che si nutre verso di noi, poi si propaga anche agli altri..è universale.. Grazie

    Rispondi
  6. Ciao, sinceramente non credo a ciò che dici, io critico tutto e tutti e non sono così oggetto di critica, inoltre non mi importa affatto quando qualcuno mi giudica;
    credo anche che l’ambizione e la carriera siano due cose che bloccano il vero sviluppo evolutivo di una persona, non si può servire a due padroni…

    Rispondi
  7. Ciao a tutti, grazie di tutto Cecilia.
    Con il lavoro ne ho sopportate di critiche sopratutto invidia da parte dei colleghi/e, che mi hanno bloccato per tanti anni la carriera.
    Ho tenuto duro mi sono migliorato.
    Ho ottenuto quello che volevo, anche se devo dire che “gli esami” non sono mai finiti.
    Ma con il tempo la mia famiglia, gli amici sono migliorato di autostima, sono adato avanti per la mia strada.
    Sono contento così, anche se continuo a pensare di migliorarmi sempre….

    Rispondi
  8. Be ,se sono arrabbiata,come lo sono ora con mio marito ….:)
    cerco di ascoltare questa rabbia ,di capire da dove viene e sopratutto cosa vuole dirmi …
    di solito cerco di fare qualcosa che mi calmi un po e quando mi è passato faccio una meditazione per incontrare questa rabbia e dopo averci parlato la ringrazio e la amo riportandola alla luce e lasciandola andare dove non puo pu’ dar fastidio a nessuno e collegandomi alla Sorgente Divina riempio lo spazio lasciato vuoto …. Di solito una volta finita la meditazione magicamente mi sento bene e di solito la persona con cui sono arrabbiata mi dice delle cose carine 🙂
    PROVATECI 🙂

    Rispondi
  9. Grazie Cecilia x i tanti gratuiti e importanti consigli, x i video chiari e illuminanti, x le indicazioni pratiche. Sei una ragazza speciale con il talento di aiutare gli altri.
    Ti auguro ogni bene
    Monica

    Rispondi

Lascia un commento